La Squadra

Ljajic: "La Roma è seconda solo alla Juventus. Pronto a stare qui 10 anni" (FOTO)

condividi su facebook condividi su twitter Di: Vincenzo Nastasi 30-08-2013 - Ore 20:45

|
Ljajic:

Adem Ljajic si presenta ufficialmente alla stampa. A partire dalle 14,30, allo Stadio Olimpico, il nuovo acquisto giallorosso incontra i giornalisti.

 

SEGUI L'EVENTO LIVE CON INSIDEROMA.COM

Italo Zanzi introduce Ljajic: "Ljajic è un giocatore molto importante per noi. Ha solo 21 anni ma ha grande esperienza in Serie A. Siamo contenti di averlo con noi per questa stagione e le prossime"

 

Inizia la conferenza stampa del calciatore:
Che obiettivi hai per questa stagione?
Sono contento di essere qui. Sono solo due giorni che mi alleno coi miei compagni, ma so che questa è una squadra forte. Il nostro obiettivo è andare in Europa.

Ci puoi rivelare qualche retroscena della trattativa col Milan?
Prima ho parlato con la Fiorentina. Non abbiamo trovato l'accordo e quindi il mio procuratore mi ha detto quali squadre erano interessate. A quel punto ho scelto la Roma perché è una squadra fortissima e importante del campionato italiano.

Juventus, Napoli e Milan sono davanti a voi?
Secondo me siamo meno forti solo della Juventus, perché hanno vinto due scudetti negli ultimi due anni. Per il secondo posto siamo in molti. C'è anche la Fiorentina.

Cosa pensi di poter dare a questa squadra?
Ho iniziato in Serbia, dove il campionato è un livello inferiore. In Italia ho trovato molte difficoltà perché qui si gioca un calcio complicato. Con mister Montella ho un grandissimo rapporto perché mi ha fatto crescere. Ad oggi dico che devo ancora migliorare ma sono qua per farlo.

La Roma lo scorso anno vi ha battuto tre volte eppure è arrivata sesta...
In Italia ho perso molte volte con la Roma perché è una squadra che gioca bene a calcio. Insieme alla Fiorentina il migliore d'Italia.

Cosa deve fare per togliersi l'etichetta di "cattivo"?
Non sono mai stato cattivo. Io sono uno che vuole giocare sempre e per questo in Italia ho trovato qualche difficoltà. Con i compagni comunque ho sempre avuto un buon rapporto. La storia con Delio Rossi? Non voglio neanche pensarci. Jovetic? Gli faccio l'in bocca al lupo, ma ora io sono a Roma e devo dare tutto per questa maglia.

Lei è costato la metà di quanto il Tottenham ha pagato Lamela. Pensa di essere meno forte di lui?
Lamela è Lamela e io sono io. Lui è un giocatore forte ed è andato via. Non voglio fare paragoni.

Che differenze tecniche ci sono tra lei e Lamela? 
Lamela gioca esterno destro ed è un mancino. Io sono destro. Di più non posso dire e non voglio. Non faccio paragoni. Sono qui per dare il massimo e penso di fare bene.

Proverà a rubare qualche calcio di punizione a Totti?
A Firenze ne ho battuti, ma ora sono a Roma. Finché gioca Totti penso che andrò in ribattuta (ride, ndr).

Hai segnato spesso alla Lazio. Sai a Roma quanto vale. Immagini un gol al derby?
So che è una partita importante per la Roma. Io ne ho giocato uno in Serbia, che dicono che sia il più pericoloso di tutti. Sinceramente però non so come lo si vive dall'interno.

Lei ha detto di essere nervoso quando non gioca. Domenica si aspetta di giocare?
Se il mister decide di farmi giocare sono pronto. Però sono decisioni sue.

Lamela è andato via nel giorno in cui lei è arrivato. Lei ne ha anche preso il numero. Ci sono delle analogia: lei pensa di sfruttare la Roma, come ha fatto Lamela, per fare un salto nella sua carriera?
Ho preso il numero 8 perché il 22, il mio preferito, è occupato. Non pensiate che io sia venuto qui a fare un passaggio. Io voglio stare qui e sono pronto a stare a Roma anche 10 anni.

Si è parlato di una clausola risolutoria nel suo contratto...
Non posso rispondere perché non lo so. Quando sono arrivato, ho firmato e sono andato a fare le visite mediche, poi sono rimasti a parlare i dirigenti e il mio procuratore. Non ho sentito Radamani, quindi non posso rispondere.

Che ruolo preferisce?
Ho visto che la Roma a Livorno ha giocato col 4-3-3. Io preferisco giocare esterno sinistro in quel modulo. Poi se il mister decide di farmi giocare terzino, sono pronto! Posso giocare anche a destra o centravanti. Penso che il reparto offensivo sia completo.

Ha parlato con Montella della Roma?
Veramente solo cinque minuti. Da quel poco che mi ha detto comunque, ho capito che sarei stato bene perché è una bella città.

In molti hanno provato ad acquistarla. Perché ha scelto la Roma?
Prima ho parlato con la Fiorentina e poi ho scelto dopo aver saputo che c'era la Roma.

Come fa a dire che la Roma è seconda solo alla Juventus?
Perché parlo di quello che vedo.

 

Dal nostro inviato allo Stadio Olimpico - Vincenzo Nastasi

Fonte: Dal nostro inviato allo Stadio Olimpico - Vincenzo Nastasi

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom