La Squadra

Pallotta inaugura una politica in stile "BTP"

condividi su facebook condividi su twitter Di: Marcel Vulpis 03-04-2013 - Ore 11:50

|
Pallotta inaugura una politica in stile

Dopo il Piano Baraldi, celebrato anni fa in pompa magna in casa Lazio (ma non era nient'altro che spostare, nel tempo, il pagamento di debiti contratti dalla gestione Cragnotti), adesso arriva il "Piano Pallotta" in perfetto stile "BTP".

Vi chiederete: ma cosa c'entrano i BTP con un club come l'AS Roma? Premesso che parliamo sempre di una società quotata in Borsa, per cui un legame, in un senso o nell'altro, può sempre esistere, ma, nel caso specifico, la "provocazione" nasce dalle dichiarazioni di ieri sera, dall'America, del presidente del club giallorosso. 

James Pallotta dichiara di voler rimanere almeno 20 anni e che in questo arco di tempo farà grande il club. Il concetto è semplice: state tranquilli, sedetevi in poltrona che al resto ci penso io. E' un "assegno in bianco", anzi è una obbligazione ventennale, ecco perchè oggi parlo di un Pallotta in stile BTP. Verrebbe da replicare al presidente del club capitolino, che nessuno, a Roma, ha mai avuto un sostegno così duraturo da parte della piazza. 

Il tifoso della Roma non vuole vincere tra 20 anni, ovvero tra 4 lustri, ma nell'arco, al massimo, del prossimo triennio. Venti anni di pazienza, il tifoso "medio" della Roma non ce li ha proprio. Voglio essere benevolo nei confronti del top manager, perchè è di Boston e non conosce usi e costumi capitolini, ma il folto gruppo di consulenti che ha accanto a sè non gliel'ha spiegato? Anche questo mi fa pensare e riflettere, purtroppo. 

Un'ultima annotazione: ma perchè ogni volta che succede qualcosa di importante (firma dell'accordo con Unicredit per l'acquisto del club, accordo con Parsitalia, chiusura negativa del potenziale accordo con lo sceicco) la dirigenza della Roma non si "confronta" con la stampa italiana, ma vola in America per poi fare dagli States comunicazioni per i media e per la piazza?

Guardate che non mordiamo mica, e rispondere ad una domanda (anche se è più di una) è educazione e cortesia. Ogni tanto ci farebbe piacere riceverla. 

Detto questo in attesa del BTP ventennale in salsa giallorossa, c'è la realtà di una AS Roma, che ha solo il 10% di centrare il terzo posto in classifica, che significa provare a qualificarsi in Champions. Per il secondo anno consecutivo il club rimarrà probabilmente fuori dal calcio che conta ed è una cosa che non si può permettere, visti anche gli ultimi dati di bilancio del club. 

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom