La Squadra

Pari nel derby e due punti persi nella corsa sulla Juventus. E' doppia beffa per la Roma

condividi su facebook condividi su twitter Di: Vincenzo Nastasi 09-02-2014 - Ore 17:08

|
Pari nel derby e due punti persi nella corsa sulla Juventus. E' doppia beffa per la Roma

Un pareggio a reti bianche che ha il sapore della doppia beffa. Dopo aver provato fino all’ultimo ad agguantare la vittoria nella stracittadina infatti, Garcia e la sua truppa hanno accolto con un sorriso amaro la notizia del contemporaneo pareggio del Verona contro la Juventus.
All’Olimpico non c’era in palio solo la supremazia cittadina questa volta, ma anche una rincorsa alla squadra bianconera che, con una partita in meno, avrebbe potuto portare la Roma a sette lunghezze dal primo posto e a sei sul Napoli terzo.
Il derby però non è andato come Garcia sperava. Più brava la Lazio a chiudersi e a schiacciarsi, un po’ contratta la Roma, che oltre a scontrarsi col muro biancoceleste è sembrata un po’ meno arrembante del solito

Il tecnico francese era partito con i suoi uomini: Totti-Florenzi-Gervinho davanti, supportati dal centrocampo titolare formato da De Rossi, Strootman e Pjanic, a protezione di Maicon, Benatia, Castan e Torosidis.
Gara fin da subito molto tirata, soprattutto per merito della compagine di Reja, brava a tramutare la tensione in una vera e propria concentrazione di uomini a protezione dell’area. Nel primo tempo, gli unici brividi sono il gol annullato per fuorigioco a Gervinho (che aveva ribadito in rete un tiro respinto di Maicon) e un buon tiro di Totti da fuori, mentre De Sanctis al 9’ aveva anticipato Klose pronto a correggere in porta un cross di Candreva.

Ritmi bassi anche nella ripresa, come si conviene alla tradizione romana dei derby. A farne le spese è lo spettacolo, ma soprattutto la Roma, che non riesce a insinuarsi tra le maglie biancocelesti. Ci mette un po’ però Garcia a trovare le contromosse. La prima sostituzione è quella canonica: fuori Florenzi, che lascia spazio all’esordio di Michel Bastos al 19’. Solo al 34’ invece, arriva il momento di Ljajic che rileva Pjanic.
L’effetto è una maggior vivacità in fase offensiva, ma la morsa difensiva della Lazio non si tramuta per poco in una doccia fredda al 36’, quando Onazi e Mauri si involano in contropiede verso la porta, trovando però sulla propria strada un provvidenziale Torosodis, che chiude all’ultimo il passaggio finale e salva la Roma. Un minuto dopo c’è spazio anche per Destro, che sostituisce Totti, e inizia l’assalto degli ultimi minuti.

A provarci è soprattutto Bastos, che con due ottime azioni, serve prima Destro (che non riesce a intervenire) al centro dell’area, e poi prova a spedire in rete con la punta un passaggio filtrante di Strootman. Nulla da fare però. La Lazio continua a tenere e quell’annuncio del pareggio del Verona contro la Juventus, che arriva in contemporanea al fischio finale, strappa un sorriso solo a metà.
I biancocelesti festeggiano, la Roma rimugina sull’occasione sprecata.

Fonte: Vincenzo Nastasi - InsideRoma.com

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom