La Squadra

Pinzolo, i bambini incontrano i loro idoli giallorossi. Totti: "Derby? La sera prima non ho dormito"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 08-07-2015 - Ore 19:47

|
Pinzolo, i bambini incontrano i loro idoli giallorossi. Totti:

Simpatica iniziativa della società giallorossa, che ha permesso ad alcuni piccoli tifosi presenti a Pinzolo di poter intervistare i loro idoli. Ecco com'è andata: 

A Florenzi viene domandato se sarà mai Capitano: "Prima c'è Francesco, poi Daniele. Spero il più tardi possibile".

"Purtroppo sì", la scherzosa risposta di Totti ad un bambino che gli chiede se si allena tutti i giorni. 

Poi il capitano giallorosso viene chiamato in causa per parlare del derby: "Vincere un derby è un'emozione grandissima, soprattutto da romano e romanista è ancora più bello. Una partita differente dalle altre", spiega ancora Totti. Poi è il turno di De Sanctis. "Sono diventato portiere perchè alla vostra età ho provato a giocare in mezzo al campo ma non ero tanto bravo.” 

Strootman viene chiesto il motivo per il quale ha scelto la Roma: "E' un grande club, con grandi tifosi e per questo ho deciso di giocarci con i miei idoli Francesco e Daniele".

De Sanctis sul mestiere del calciatore: "Siamo fortunati perché facciamo quello che ci piace e siamo privilegiati, perché abbiamo contratti importanti. Però a questo livello il divertimento non è così alto, perché ci sono responsabilità e pressioni. Spesso il nostro pensiero è che ci saremmo divertiti di più a livelli più bassi. Ogni tanto anche noi invidiamo quelli che giocano solo per diverimento".

Florenzi: "Il gol al Sassuolo? In quel momento mi trovavo lì, ci ho provato e con tanta fortuna è andata bene. Poi Totti: "Il derby? La notte prima non ho dormito, ero emozionatissimo. Avevo paura di qualsiasi cosa, poi è andata bene e tutto si è risolto".

Sempre a Florenzi viene chiesto se resterà alla Roma: "Sì, perché dovrei andare via?"

Al capitano viene chiesto dei figli: "Sto con loro sempre tranne il sabato e la domenica. Mercoledì la Champions...".

De Sanctis sulla papera contro il Sassuolo: "Ma chi è tuo padre, Casillas? (ride, ndr) L'anno scorso ho fatto qualche piccolo errore, quello è stato un grande errore. Ma il portiere non si deve ricordare per gli errori ma per tutte le parate belle che fa, non per quelle che sbaglia ogni tanto". 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom