La Squadra

Premio Ussi, Andreazzoli: "Osvaldo? In privato poi piagnucola", Perrotta: "Dopo due anni così, due mesi per cambiare"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 27-05-2013 - Ore 11:45

|
Premio Ussi, Andreazzoli:

Questa mattina presso il Circolo Canottieri Aniene si tiene la cerimonia di consegna dei premi Ussi. Alla manifestazione sono presenti anche Andreazzoli e Perrotta, che hanno rilasciato qualche dichiarazioni ai cronisti presenti.

ANDREAZZOLI
Come si sente oggi?
L'amarezza della nottata non ha portato via nulla. Tutto è rimasto lì. Ci vorrà un po' di tempo per digerire una situazione che non era nella migliore delle ipotesi quella preventivabile.

Ha parlato con Pallotta e Baldini del suo futuro?
No, ma avremo modo di farlo.

Deluso da alcuni giocatori?
Non dell'impegno profuso. Potevamo fare meglio dal punto di vista tecnico. La voglia non è mancata.

L'episodio con Osvaldo?
Osvaldo non è nuovo a queste scene sotto le telecamere. Poi magari nel privati ha comportamenti un po' piagnucolosi. E' un problema suo, non mio. Rappresenta anche la Nazionale lui e l'etica e i comportamenti sono dei capisaldi.

Serve un cambiamento anche negli atteggiamenti?
Mi limito a quello che ho detto.

Lei ha voce in capitolo per scegliere il nuovo tecnico?
Questo lo devono dire i dirigenti. Chiedetelo a loro. Noi ci incontriamo oggi e da lì discuteremo il futuro.

 

PERROTTA
Sono delle cicatrici che ti porterai dentro per sempre.

Cosa vi ha detto Pallotta ieri negli spogliatoi?
Sinceramente non parlava nessuno. Era tanto il dispiacere, erano tanti i pianti e nessuno si è degnato di una parole.

E' mancato il carattere?
Non credo, loro hanno sfruttato quella mezza occasione che hanno avuto.

Come si riparte?
Si riparte cercando di dimostrare che questa è una squadra forte.

Da due anni siete fuori dall'Europa...
Dopo due anni del genere, qualcosa da riflettere c'è. Ci sono delle persone preposte e hanno due mesi per decidere cosa fare.

Il tuo futuro...
In questo momento non ci sto pensando. Avrò modo di rifletterci.

Vi siete sentiti soli e non protetti da questa società?
Assolutamente no.

 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom