La Squadra

ROMA-NAPOLI, LE INTERVISTE - GERVINHO: "Una grande gioia per noi. Con la palla sono più veloce di Bolt" "GARCIA: "Ho lasciato Gervinho perchè volevo vincere"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 05-02-2014 - Ore 23:00

|
ROMA-NAPOLI, LE INTERVISTE - GERVINHO:

Tutte le parole dei protagonisti di Roma-Napoli, andata delle semifinali di Coppa Italia, su Insideroma.com

PRE-PARTITA

Leandro Castan alla RAI: "La partita? Sono due gare da 180 minuti, vogliamo fare un buon risultato, vedremo. Dobbiamo giocare bene per avvantaggiarsi il ritorno Pressing a centrocampo?  In avanti sono forti, sarà difficile" 

FINE PRIMO TEMPO

Mehdi Benatia alla RAI: "l'invenzione di Totti ha sbloccato il match? Sappiamo bene che anche con un tocco Totti  fa dei passaggi che vede lui solo. Adesso però l’importante è non prendere gol.” 

DOPO-PARTITA

Daniele De Rossi alla RAI: "E’ uno spot per il calcio una partita così? Dovrebbe esserlo per tutti. E’ bello giocare così, con squadre che se la giocano. Primo tempo siete stati grandi poi cosa è successo? Prendere gol in maniera rocambolesca non ci ha fatto bene, però poi siamo riusciti a vincere. E’ comunque un risultato importante. Una partita così in molti la lasciano andare? E’ una questione di mentalità, prima non c’era. L’allenatore è stato bravo a portarcela. A Napoli sarà un’altra battaglia? Sì, ce la giocheremo e lo faranno anche loro".

Rudi Garcia alla RAI: "Una vittoria ottenuta nel finale, poi c’è stata la rimonta napoletana ma il gol di Gervinho è stato importante…La priorità era vincere. Sarebbe stato meglio non prendere gol ma stasera si affrontavano due squadre forti. Il Napoli ha colpito nelle ripartenze…Sono stati due errori nostri ma anche loro hanno delle qualità. Il Napoli al ritorno dovrà vincere ma noi vogliamo la qualificazione. Gervinho sa fare anche gol? La risposta viene dal campo. Totti per un’ora? Ha giocato benissimo e avevo pensato a fare scelte diverse ma poi ho voluto lasciare Gervinho in campo perché volevo vincere questa partita. Quel doppio vantaggio però non siete riuscito ad amministrarlo…Sì, abbiamo dato più fiducia al Napoli ed anche un calo psicologico, tuttavia mi è piaciuta molto la reazione della squadra. Qual è la squadra favorita per la finale? Cinquanta e cinquanta. Loro sono molto forti davanti. Tutti noi siamo sorpresi dalla bravura di Gervinho…anche lei un po’? No, penso che può ancora migliorare perché ha ancora delle cose su cui migliorare. Ha la mia fiducia e anche quella dei compagni. Crea sempre problemi all’avversario e fa segnare. E’ lui l’unico titolare inamovibile del tridente? Beh, per il capitano non è possibile giocare tutte le partite però sono tutti importanti per me. La Roma ha ancora margini di miglioramento? Sì. Stasera abbiamo anche preso due gol, quindi possiamo migliorare. Non dobbiamo perdere la voglia di vincere che anima questa squadra. Lei ha parlato di errori, ma sono di reparto o individuali? All’inizio del secondo tempo abbiamo dormito un po’. Siamo stati poco aggressivi anche perché la migliore difesa è l’attacco. Strootman quanto può crescere ancora? E’ un giocatore importante e quando la squadra è in difficoltà, bisogna darla a Kevin: quando arriva una palla sporca lui la pulisce sempre, è come una lavatrice

Rafa Benitez alla RAI: "Il Napoli ha avuto la forza di reagire, ma alla fine ha perso il terzo gol. Sì, la reazione è stata positiva e la squadra ha mostrato carattere e buon gioco. De Laurentiis cosa vi ha detto negli spogliatoi nell’intervallo? Ha solo guardato me che parlavo con la squadra. Hamsik? Un giocatore importantissimo per noi, ma ha bisogno di giocare di più. Ci sono errori del Napoli sui gol della Roma? Soprattutto il terzo gol ma non era facile difendere. Sono stati bravi loro. Il Napoli c’è. Oggi come oggi, chi vince al San Paolo può vincere la Coppa Italia? Sì, speriamo di vincere noi. E possiamo arrivare fino alla fine. Il gol di Gervinho? Credo sia fuorigioco e basta. Cosa è successo dopo il 2 a 0? Perché vi siete arrabbiati? Perché dovevamo rimettere in gioco ma l’arbitro non ha fischiato e la ripresa si è rallentata. Lei prende il terzo gol dopo aver tolto Higuain. L’equilibrio della squadra c’era ma hanno fatto un uno/due velocissimo e questo non dipende da l numero dei centrocampisti in campo".

Gervinho alla RAI: "La differenza l’ha fatta la mentalità? Il gol in apertura ci ha feriti ma noi ci abbiamo provato fino alla fine e questo dà coraggio per la partita di ritorno. E’ la prima volta che hai celebrato un tuo gol sotto la Curva Sud? Fa piacere dividere la gioia con tutta la squadra ed i tifosi. Tu hai detto che Rudi Garcia per te è come un padre: è lui che fa la differenza? Garcia è un allenatore che ama il calcio, che ama il gioco offensivo ma che soprattutto parla al cuore dei giocatori e crea entusiasmo. Io ho scelto la Roma anche perché c’era lui. Tu all’inizio hai avuto difficoltà con Maggio, poi ti sei spostato. Una scelta tua o è arrivata dalla panchina? Ho cominciato a sinistra poi Garcia ha detto di cambiare per favorire anche le infilate di Totti. Sei come Bolt? Se corriamo con il pallone lo batto io, altrimenti senza pallone vince lui".

Inler alla RAI: "Rimane l’amaro in bocca ma una bella prova del Napoli…Dopo il 2 a 0 abbiamo reagito bene ma dobbiamo ancora migliorare. L’importante è restare uniti. Ora la Roma è favorita per la qualificazione? Chi deve passare deve vincere, noi cercheremo di farlo. Ti senti più un giocatore di rottura o di palleggio? Per me conta la squadra. Contano i risultati. Tra il primo ed il secondo tempo si sono viste due squadre. Cosa è accaduto? Non abbiamo mollato e non ci siamo persi dopo il 2 a 0. Ancora una volta i cori contro il Napoli. Tu che sei svizzero cosa provi? Questo è uno sport, queste cose non devono accadere, bisogna divertirsi allo stadio. La crescita del Napoli è sotto l’aspetto mentale o tecnico tattico? Secondo me mentale. A Bergamo, ad esempio, abbiamo commesso tanti errori. Peccato oggi per il risultato ma al San Paolo dobbiamo vincere. Voi siete devastanti in avanti ma dietro di meno…Sì, dobbiamo migliorare in fase difensiva ma, attaccando in quattro, è poi difficile difendere. In questo momento fatichi di più rispetto allo scorso anno? Per me l’importante è recuperare, stare sereno e darò sempre il mille per mille".

Fonte: Insideroma.com

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom