La Squadra

(SPECIALE VIDEO) TOTTI, 20 anni di Serie A

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-03-2013 - Ore 14:02

|
(SPECIALE VIDEO) TOTTI, 20 anni di Serie A

(ASROMA.IT)  “Ao’, sei emozionato?”. “Embe’, un pochetto sì”. Enzo entra a Trigoria con due amici come tutte le mattine più o meno a quell’ora, 9.30-9.45. Non è un giorno normale, però. Al “Fulvio Bernardini” si festeggiano i venti anni di Francesco Totti in Serie A. Non ci sono personalità del mondo politico o dello spettacolo, ma solo i dipendenti. Quelli che, un giorno sì e l’altro pure, volenti o nolenti, lavorano quotidianamente a fianco della squadra. L’appuntamento è in una sala del centro tecnico, dove un dirigente spiegherà ai più come funziona e come si svolge la festa. Enzo è lì e ascolta, in silenzio, come tutti gli altri. L’organizzazione è semplice, basta seguire il flusso di persone. Enzo, una volta capito cosa fare, si incammina lentamente verso il campo di allenamento: è lì il clou, è da lì che uscirà il festeggiato. Il tempo non è dei migliori, una pioggerella fitta disturba più o meno tutti i presenti. Bruno Conti, che di presentazioni non ha bisogno, si tutela con un ombrello “vintage” gigante che può riparare anche tre persone. “Ah Bru’, ma che è l’ombrello der mare quello?”. “Voi ridete, so’ vent’anni che ce l’ho”. Vent’anni, Totti. Intanto, arrivano tutti i manager della società: Italo Zanzi, Franco Baldini, Claudio Fenucci, Christoph Winterling, l’avvocato Mauro Baldissoni. Ne manca uno, Walter Sabatini. Eccolo: anche lui con un ombrello. “Signori…”, il saluto del Direttore Sportivo. Ora ci sono tutti. Enzo aspetta e il suo sguardo non tradisce emozioni. C’è chi, invece, le esterna: “Oh, io sicuro me metto a piagne… Poi voi me prendete in giro”.  Si apre la porta dello spogliatoio, cominciano a uscire alla spicciolata i giocatori. Si formano due file, in mezzo passerà Lui. Prima i giovani, poi Florenzi, Lobont, De Rossi e via via tutti. Matteo Vespasiani, lo speaker, è pronto. Eccolo: “Francesco Totti”. Parte la canzone di Jovanotti, “Sono un ragazzo fortunato”. E lui, il ragazzo fortunato, visibilmente colpito, si lascia andare e comincia a dare il cinque a destra e a sinistra. Si avvicina ai compagni, c’è chi lo applaude, chi gli stringe la mano, chi gli dà una pacca. Ad un certo punto lo prendono in braccio e lo tirano su, in trionfo. Baldissoni, un po’ preoccupato, dice a bassa voce: “Fate piano che ce serve…”. Si entra in campo, uno striscione è lì, a terra, che aspetta di essere alzato da braccia volenterose. Enzo è defilato e scruta la situazione. Viene diffuso un altro brano di Jovanotti, “Il più grande spettacolo dopo il Big Bang”. Francesco è al centro del campo e anche del mondo. È senza parole. Poi Vespasiani gli fa qualche domanda e lui risponde. “È un giorno che non dimenticherò mai”. Si forma un cerchio, il messaggio per il Capitano è forte e chiaro: “E non finisce qui… Il meglio deve ancora venire”. La festa dura una decina di minuti, si conclude con un mare d’amore e di stima per lui. Ora è il momento di tornare al lavoro, ognuno a fare il suo. Si avvicina uno dei magazzinieri a Enzo a dice: “Ringraziatelo, è tutto merito suo…”. Enzo minimizza e dice: “Ma de che…”. Invece è vero: Enzo Totti, papà di Francesco.

(ROMA CHANNEL) Tutti i dipendenti ed i collaboratori del Centro Sportivo, oltre all'intera rosa della squadra, celebrano la ricorrenza dell'esordio di Francesco nel campionato italiano: c'è solo un Capitano!

GUARDA IL VIDEO

(ANSA) Sempre il capitano giallorosso, festeggiato sul campo dai suoi amici di sempre

GUARDA IL VIDEO

(ANSA) Francesco ai microfoni dell'Ansa

GUARDA IL VIDEO

(ANSA) Il direttore sportivo Sabatini ed il Direttore Generale Baldini parlano del Capitano

GUARDA IL VIDEO 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom