Marketing

"Guardare la Radio" - In attesa del Main Sponsor, un'idea per la sponsorizzazione di maglia della Roma

condividi su facebook condividi su twitter Di: Gabriele Nobile 09-02-2015 - Ore 13:15

|

Discutendo con alcuni amici e addetti ai lavori, ci è stato più volte chiesto il motivo per il quale la AS Roma, in attesa dell’arrivo del nuovo “Main Sponsor” non abbia ancora scelto di dare spazio, in questa fase transitoria e di attesa, ai propri brand  "interni":  come, ad esempio, Roma Radio e/o di Roma Tv.

L’ultima volta che la Roma presentò una “jersey-sponsor” ufficiale è stato nella oramai triste partita di finale di  Coppa Italia (quella persa con la Lazio). Di lì a poco, infatti, sarebbe scaduto il contratto con la multinazionale telefonica Wind. Poi il nulla cosmico. Nello scorso campionato la Roma indossò un'inedita “Jersey Unbranded”, in attesa tecnicamente della start-up del contratto per la fornitura tecnica e di materiale da gioco con Nike, motivo per il quale i giallorossi per quasi tutta la stagione abbinarono la maglia da gioco con il marchio della fondazione “Roma Cares”; eccezion fatta per le ultime due partite di campionato in cui la Roma si fece sponsorizzare da SKY. Strategia intelligente che servì a colmare alcuni vuoti commerciali, ma soprattutto utile per porre, al centro dell’attenzione dei media e dei tifosi, le finalità della Fondazione targata AS Roma che poi nel corso della stagione si sarebbe rinforzata con una serie di attività collaterali, fino al lancio definitivo di pochi giorni fa con la nomina della manager Catia Augelli, che andrà a potenziare le attività di PR della Fondazione stessa. L’iniziativa che proponiamo, ovvero di utilizzare il Brand di Roma Radio per sponsorizzare la Maglia della Roma, almeno per queste partite finali della stagioni, potrebbe essere un segnale positivo ed innovativo:  la Radio Ufficiale della AS Roma è realmente un inedito nel panorama italiano, sono pochi infatti i Club di Serie A che possono vantare una radio che trasmetta H24 le gesta dei giocatori, potendo contare sul confronto giornaliero con i tifosi ed i fans, senza calcolare che la radio è stata presentata all’inizio di questa stagione agonistica, quindi parliamo di un progetto relativamente giovane ed in piena espansione.

  

Controindicazioni? Da un punto di vista tecnico, possiamo dire che non ce ne sono: lo spazio sulla maglia ufficiale della Roma, nell’ultimo contratto con Wind, valeva una cifra intorno ai 6 milioni di euro, le stime parlano di come la Roma stia puntando da una cifra che oscilli tra i 15 ed i 18 milioni di euro (rivolgendosi ad una multinazionale che possa garantire un rapporto di minimo 10 anni). Soldi importanti…

L’idea di  valorizzare Roma Radio potrebbe avere una value di circa 3-4 milioni di euro, con la stagione praticamente a metà sarebbe  un peccato non farlo, anche perché per la AS Roma sarebbe un'operazione gratuita, che in questi tempi di “Spendig Review” non è male. 

Altre controindicazioni? Su tutte, il fatto che la concorrenza (molto forte in città) delle radio private, sicuramente non la prenderà bene... Non ci resta che restare sintonizzati e se la cosa andasse in porto, vorrà dire che per una volta non ci limiteremo ad ascoltare la radio, ma la guarderemo sulle maglie dei giocatori giallorossi.

Siamo certi che in casa AS Roma, sempre attenti alle nuove strategie di comunicazione, l'idea di "guardare la radio" non dispiaccia poi tanto...

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom