Rassegna Stampa

Roma, serve uno scatto

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 07-02-2016 - Ore 08:42

|
 Roma, serve uno scatto

IL MESSAGGERO - TRANI - Il vantaggio, se così si può chiamare, è nell’orario della partita: la Roma di Spalletti entrerà in campo conoscendo i risultati delle rivali nella corsa alla zona Champions. La Fiorentina terza ha già rallentato ieri pomeriggio, pareggiando aBologna: i punti di vantaggio dei viola, con una gara in più, sono 5. Così è possibile dimezzare la distanza iniziale che era di 4. Ma, a prescindere da quale sarà il comportamento delle altre, i giallorossi dovranno soprattutto pensare a fare il loro dovere. E, quindi, ad allungare la striscia positiva, dopo i successi contro il Frosinone e ilSassuolo. Solo 1 volta, in questa stagione, sono riusciti a fare il tris e guarda caso dopo essere stati sconfitti a Marassi proprio dalla Sampdoria, all’epoca ancora allenata daZenga e stasera ospite all’Olimpico con in panchina l’ex Montella. Un girone fa, spingendo forte sull’acceleratore, contò fino a 5 vittorie, battendo il Carpi, il Palermo, l’Empoli, laFiorentina e l’Udinese e conquistando, per 2 giornate, la vetta. Adesso hanno l’obbligo di riprovarci.

AVANTI TUTTA – La continuità, dunque, può fare la differenza. E il calendario, almeno fino allo scontro diretto con la Fiorentina, il 4 marzo all’Olimpico, dovrebbe invogliare il gruppo che, con l’arrivo del nuovo tecnico, è riuscito a risollevarsi, ritrovando l’autostima e la convinzione. Spalletti ci ha messo poco a riabilitare interpreti che, fino a 3 settimane fa, davano l’idea di poter recitare al massimo da comparse. Ma la Roma, più che individualmente, ha ricominciato a giocare da squadra. Con autorità e personalità, con qualità e concentrazione. Il toscano è ripartito da zero nel lavoro tattico. L’addestramento quotidiano ha subito pagato: ora i singoli sanno che cosa fare e dove andare.

PIÙ SCELTA – La svolta c’è stata, grazie alla migliore organizzazione. Martedì, a Reggio Emilia contro il Sassuolo, la Roma si presentò in piena emergenza: fuori 6 giocatori, conDe Rossi poi uscito prima dell’intervallo.Tra i 23 convocati per la sfida contro laSampdoria, mancano Torosidis, De Rossi, Gyomber e lo squalificato Nainggolan.Spalletti ha recuperato Manolas, Digne, Dzeko, Iago Falque e Florenzi e ha inserito nell’elenco pure il giovane terzino Nura che ha appena avuto l’idoneità per l’attività agonistica dopo lo stop per la miocardite. Il diciottenne nigeriano farà da apripista aStrootman che entro fine mese dovrebbe tornare a disposizione. Il match contro laSampdoria, solo 1 punto nelle ultime 5 gare, sarà il 3˚ in 9 giorni: il tecnico, avendo più opzioni, proseguirà con il turnover che, nelle sue prime 4 gare, è diventato esasperato per gli infortuni e le squalifiche: 23 i giocatori utilizzati. E, per venire incontro alle esigenze dei singoli e della squadra, con almeno 4 moduli diversi. La mossa più intrigante, comunque, dietro: la difesa a 3 che diventa in corsa a 4.

PRONTO SOCCORSO – L’abbondanza, nella circostanza, è in attacco che sarà al completo: nella rotazione offensiva possono entrare Dzeko, Salah, Totti, El Shaarawy,Iago Falque, Perotti, Sadiq e, teoricamente (dipenderà dal sistema di gioco), pureFlorenzi. Spalletti ha chiesto in pubblico ai suoi giocatori di giocare per Dzeko. Cioè di migliorare l’assistenza al centravanti. Che, secondo lui, può consentire alla Roma di spostare il baricentro e quindi l’inizio dell’azione più avanti, sfruttando le caratteristiche fisiche e tecniche del bosniaco. Che non segna su azione, in campionato, dal 30 agosto e di piede ha fatto centro solo su rigore. E’ il momento di ritrovare la mira. Keita, Pjanic,Perotti, El Shaarawy e Salah, palleggiatori ed esterni di qualità, sono chiamati ad aiutarlo.

Fonte: IL MESSAGGERO - TRANI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom