Rassegna Stampa

Adem, un gol lungo quasi quattro mesi

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 19-01-2014 - Ore 09:51

|
Adem, un gol lungo quasi quattro mesi

Una liberazione. E basta (ri)vedere la sua faccia dopo il gol per rendersi perfettamente conto che non ne poteva più. Di restare all’asciutto, ovviamente. Di non piazzare il proprio nome nel tabellino dei marcatori. Adem Ljajic contro il Livorno ci ha provato in tutti i modi a battere Bardi e quando sembrava che ancora una volta i suoi tentativi erano andati tristemente a vuoto, ha caricato il destro, ha preso la mira e con un tiro di una precisione chirurgica è riuscito a interrompere il lungo digiuno. Era dal 29 settembre contro il Bologna che il serbo non segnava e ieri sera ha firmato la prima rete giocando da titolare, sistemando così anche quanti sostenevano (sostengono) che sia bravo soltanto quando entra a gara in corso. Un sabato da archiviare con un grande sorriso, insomma. Lo stesso che, braccia a cielo, Adem ha ricevuto dai compagni quando sono andati ad abbracciarlo dopo la sua quarta rete con la maglia giallorossa.

OBIETTIVO COPPA ITALIA
Sereno assai, nel post partita. Soddisfatto, anzi. «Come ho detto tante volte, il gol arriva o no con la stessa facilità. Sono contento per la rete, ma anche per i compagni, per la vittoria e per la prestazione della squadra. Abbiamo vinto ed è una cosa importantissima in questo momento della stagione: noi non possiamo e non vogliamo mollare, il distacco dalla Juventus c’è e la reazione che abbiamo dimostrato dopo quella partita di Torino lo sta a testimoniare. L'abbiamo dimenticata subito, quella gara. Siamo tornati a vincere immediatamente e ora abbiamo un paio di giorni per preparare al meglio la partita di Coppa Italia contro i campioni d’Italia», il suo virgolettato a fine partita. E ancora. «Mi alleno ogni giorno per migliorare: non sono ancora al cento per cento della condizione ma sto facendo di tutto per arrivarci. Io qui a Roma mi trovo bene; anzi, mi trovo ogni giorno meglio ma so che posso dare ancora di più alla squadra. Mi conosco, so qual è il mio valore e spero di riuscire a dimostrarlo per intero quanto prima».Resta da capire, ora, se il serbo verrà confermato o meno contro la Juventus in Coppa Italia: va ricordato che nella partita di campionato dello Juventus Stadium, quella del 5 gennaio, lui partì titolare e questo potrebbe essere un indizio importante per decifrare lo schieramento che proporrà Rudi Garcia contro il suo collega Antonio Conte. Lui, Adem, è pronto e una volta infranto il tabù del gol è pure smanioso di non mollare più la maglia da titolare.

Fonte: Il Messaggero

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom