Rassegna Stampa

Aldair: «Vi racconto chi è Totti»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 27-03-2013 - Ore 10:41

|
Aldair: «Vi racconto chi è Totti»

(Corriere della Sera – G.Piacentini)«Sono già passati 20 anni? (Pausa) Allora sto proprio diventando vecchio…». La voce arriva lontana, dal Brasile, ma Aldair Nascimento dos Santos, detto Pluto dai tifosi giallorossi, 13 anni, 330 partite e 14 gol con la maglia della Roma, non fatica a capire che si parla di Francesco Totti, che domani festeggerà i suoi primi 20 anni in giallorosso.

 Lui, d’altronde, c’era quel 28 marzo 1993 a Brescia quando il capitano esordì, e c’era pure il 17 giugno 2001 allo stadio Olimpico (non in campo perché era infortunato), quando la Roma vinse il terzo scudetto.
Insieme in giallorosso hanno condiviso dieci anni di (poche) vittorie e qualche delusione.

Dica la verità, quel giorno a Brescia si aspettava che quel ragazzino avrebbe fatto la storia del calcio?
«Sapevo che sarebbe diventato un grande calciatore, ma non potevo immaginare che avrebbe fatto questa carriera. La sua è una storia fantastica, che merita di essere celebrata. Si è sempre comportato bene, è sempre stato un esempio per gli altri, rimanendo umile. I suoi 20 anni in giallorosso sono solo un altro record da aggiungere alla sua collezione».

Lei Totti lo ha visto crescere. Poi un giorno, il 31 ottobre 1998 contro l’Udinese all’Olimpico, gli ha consegnato la fascia da capitano, che non avrebbe più abbandonato.
«Ho pensato fosse pronto per prendersi quel tipo di responsabilità e che la fascia lo avrebbe aiutato a crescere ancora di più. Andava solo incoraggiato ».

Ci racconti dello scudetto.
«È stato un sogno vincerlo. Abbiamo fatto un grande campionato grazie a Francesco, a Vincenzo (Montella n.d.r.), a Batistuta. Eravamo una grande squadra».

Nella carriera di Totti così ricca di record, però, è mancato il Pallone d’Oro.
«Avrebbe meritato di vincerlo nel 2006 quando l’Italia ha conquistato il Mondiale. Giocare nella Roma, senza vincere niente in Europa, non lo ha di certo aiutato in questo tipo di competizione dove conta soprattutto la vetrina internazionale ».

Il prossimo obiettivo è il record di gol di Piola: può farcela?
«Può arrivare a battere tutti i record. Non so quanto giocherà ancora, ma io credo che possa farlo almeno per altri 2 o 3 anni».

In Italia si parla del ritorno del capitano in Nazionale per i Mondiali brasiliani.
«Lo meriterebbe. Qui in Brasile ha un gran numero di estimatori e di lui si parla anche come di un possibile obiettivo di mercato per alcune squadre. Il nostro è un campionato molto ricco e se la Roma non dovesse prolungargli il contratto, qui gli si potrebbero spalancare parecchie porte».

 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom