Rassegna Stampa

Alessandro Moggi, la Gea World rinasce ufficialmente, cos’è cambiato da Calciopoli?

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 20-03-2013 - Ore 22:50

|
Alessandro Moggi, la Gea World rinasce ufficialmente, cos’è cambiato da Calciopoli?

(sport leonardo.it) Da Calciopoli ad oggi, mettendo la retromarcia e allungando lo sguardo verso il futuro. La Gea World, la società di agenzia calcistica che venne travolta nel 2006 dallo scandalo Calciopoli, rinasce ufficialmente. Dalle ceneri al ritorno, con Milano come base d’azione.

Ma mettiamo subito in chiaro una cosa: la Gea World non ritornerà più quella di prima. Almeno ufficialmente. Perché in precedenza si parlava di un’agenzia di procuratori che si riunivano e gestivano calciatori con persone vicine a Luciano Moggi, all’epoca direttore generale della Juventus. Oggi, invece, la nuova Gea World (ma si chiamerà così? Ancora questo non è lecito saperlo…) si occuperà di gestire l’immagine del calciatore, di marketing, creazione di eventi e quant’altro.

Dunque, sulla carta, un’azienda diversa. Gli azionisti saranno Riccardo Calleri ed Alessandro Moggi, agenti di calciatori già facenti parte della Gea World che fu. A sette anni di distanza, dunque, i due tornano in pista lasciandosi alle spalle gli scandali, le procure forzate e la famosa Cupola. Da precisare come il processo legato alla Gea World si concluse l’8 gennaio del 2008 con l’assoluzione della società dall’accusa di associazione a delinquere. Anche se i dubbi (numerosi) sul loro operare, con il forzare i calciatori a firmare procure con questo agente rispetto a quello e con i favoritismi nell’arrivare alla Juventus o alla nazionale italiana, rimangono.

Il prossimo 4 aprile, a Milano, ci sarà la presentazione ufficiale di questa nuova Gea, azienda che si occuperà dunque di attività commerciali, eventi, marketing e quant’altro e non più di gestione di calciatori tout court. Una vera azienda a sostegno dei giocatori, gestita da agenti di giocatori: ma siamo sicuri che sia cambiato qualcosa?

 

CLICCA SULL’ARTICOLO

 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

sandro 20/03/2013 - Ore 23:45

...w l'Italia

chiudi popup Damicom