Rassegna Stampa

Alisson è in vantaggio su Szczesny. Paredes e Ricci promossi da Spalletti

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 04-08-2016 - Ore 07:15

|
Alisson è in vantaggio su Szczesny. Paredes e Ricci promossi da Spalletti

CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI - Conclusa la tournée americana con l’amichevole disputata nella notte contro il Montreal Impact, la Roma torna nella Capitale con alcuni giocatori che si sentono più giallorossi rispetto a prima della partenza: Alisson, Leandro Paredes e Federico Ricci hanno sfruttato la trasferta per convincere Spalletti che possono recitare un ruolo da protagonisti. E se il portiere è arrivato con i galloni di titolare della Seleçao, non è un mistero che la prima scelta di Spalletti fosse Szczesny: la trattativa con l’Arsenal per il rinnovo del prestito è però andata per le lunghe, e il brasiliano ne ha approfittato.

Szczesny è atteso per questa mattina alle 10 a Fiumicino, ma il vantaggio accumulato nel finale della scorsa stagione è azzerato dal buon precampionato di Alisson. A questo punto il ballottaggio tra i pali per il preliminare di Champions League (domani i sorteggi) è reale. Come quello tra Leandro Paredes e Daniele De Rossi in mezzo al campo. Lo scetticismo iniziale di Spalletti nei confronti dell’argentino si è trasformato con il passare dei giorni in considerazione sempre crescente. «Mi ricorda Pizarro», ha detto citando uno dei calciatori a cui è stato più legato nel corso della sua carriera. La sua possibile cessione è stata bloccata da allenatore e società, anche se fino alla chiusura del mercato nessun calciatore può dirsi al riparo da trattative.

Nemmeno Federico Ricci, che dopo un ruolo da protagonista nella promozione in A del Crotone (11 gol e 8 assist in 36 partite) ora vuole ritagliarsi uno spazio in giallorosso. Spalletti non lo ha mai perso di vista nelle amichevoli in cui lo ha telecomandato dalla panchina. L’esterno che Garcia ha fatto esordire in A nel 2013 (Atalanta-Roma 1-1) ha dimostrato, a 22 anni, di essere migliorato molto. Il suo status di calciatore cresciuto nel vivaio è utile per la lista Uefa - gli altri tre sono Totti, De Rossi e Florenzi - ma anche tecnicamente può dare il suo contributo.

A Spalletti serve un vice-Salah (ieri il Chelsea ha annunciato ufficialmente il riscatto da parte della Roma) che a gennaio sarà impegnato in Coppa d’Africa: potrebbe averlo trovato in casa. 

Fonte: Corriere della Sera - Piacentini

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom