Rassegna Stampa

All’Olimpico tutti pazzi per l’imperaTotti di Roma

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 21-04-2016 - Ore 18:03

|
All’Olimpico tutti pazzi per l’imperaTotti di Roma

GAZZETTA DELLO SPORT – ZUCCHELLI - La sintesi di Andrea è perfetta: "Il corpo fa ancora quella che dice la mente". La sintesi di "rivamesta", all’anagrafe Valerio Mastandrea, lo è altrettanto, per ogni romanista: "Dio Mio". Già, per ogni tifoso, ieri sera Francesco Totti ha indossato panni sovrannaturali. È stato il jeeg robot dell’Olimpico e pure se stavolta non ci sono David di Donatello a corredo il sorriso è lo stesso. Suo, dei compagni di squadra, e della gente. All’Olimpico, che lo incita dal primo minuto anche quando è ancora seduto in panchina, e a casa, dove i social network stavolta fanno da cassa di risonanza a una serata che nessuno scrittore avrebbe immaginato così perfetta.

COME UN FILM – E pensare che l’incubo sembrava a un passo e invece, dice Florenzi: "È stato tutto come un film". Miglior attore e miglior regista contro il Torino, Totti. "Ti amo", twitta semplicemente Giovanna, "Rispetto", chiede Fabio Fognini. Sono migliaia i tweet e i post su Facebook di tifosi, noti e non, anche semplici appassionati di calcio, #Totti diventa immediatamente tendenza su Twitter ed è lo specchio dei tempi. Una volta bastava l’abbraccio con chi ti stava accanto e il pensiero, magari, a chi non c’era più, adesso invece bisogna condividere tutto on line. E allora via, che l’amore per Totti sia condiviso, senza se e senza ma, compresi quelli che fino a qualche ora prima dicevano che: "Totti deve capire che è ora di smettere".

LACRIME E RABBIA – Lui sembra non pensarci proprio, l’affetto dei compagni (qualcuno si è commosso al fischio finale) lo emoziona, l’amore della gente anche, la sua doppietta, oltre a regalare alla Roma almeno il terzo posto, regala anche un po’ di serenità a tutti. A Pjanic, che avrebbe voluto giocare di più, a Dzeko, fischiato prima di entrare in campo, a Manolas, che dopo il gol ha scaricato verso la panchina e verso il mondo tutta la sua rabbia. E Nianggolan dice: "A Roma sto molto bene, in futuro vorrei vincere qualcosa". D’altronde, the King of Rome non era morto con la doppietta alla Lazio nel 2011, non è morto neanche 5 anni dopo, come conferma, anche lui su Twitter, Marco Cassetti: "Numero 1, non ci sono più aggettivi per descriverlo". Quando Totti segnò uno straordinario gol a Marassi, fu Cassetti a fare l’assist e disse: «Un giorno ai miei nipoti racconterò di aver passato il pallone a uno straordinario campione per un gol così».

CERCASI BOSTON – Sono passati 10 anni da allora, magari c’è qualche ruga in più, la malinconia che accompagna il finale di carriera dei più grandi è lì quando Francesco lascia lo stadio senza festeggiare poi troppo. In fondo, lo ha detto lui stesso con una maglietta qualche tempo fa: "Il meglio deve ancora venire". A Roma lo sanno, "E a Boston?", si chiede Luca in un tweet.

Fonte: Gazzetta dello Sport-C.Zucchelli

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom