Rassegna Stampa

Altro graffio di Momo, col Sassuolo è infallibile. E Stephan fa subito il bis

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 03-02-2016 - Ore 08:58

|
Altro graffio di Momo, col Sassuolo è infallibile. E Stephan fa subito il bis

A fine partita qualcuno ci scherzava anche su:«Momo, quando si rigioca con il Sassuolo?».Momo è Mohamed Salah, uno che alle statistiche ha sempre guardato poco, ma che è probabile che alla stesura del calendario della prossima stagione vada subito a vedere quando 6 in programma la sfida con i neroverdi. Perché in tre partite contro ilSassuolo l'egiziano ha segnato sempre, ben tre volte: una rete a gara, la prima quando era allaFiorentina e le altre due con la maglia della Roma.

Ieri l'egiziano ha cancellato un periodo nero. L'ultimo gol risaliva a quasi tre mesi fa (4 novembre, al Bayer Leverkusen in Champions), in campionato addirittura dal 25 ottobre, da quell'altra gemma segnata al Franchi, allaFiorentina. «Colpa dell'infortunio contro la Lazio, ho impiegato tanto tempo per tornare in condizione. Volevamo vincere, questo è un risultato fondamentale per la classifica», ha aggiunto. Anche se poi qualcosa di indigesto gli è rimasto lungo la partita, tipo quel raddoppio fallito nella ripresa per troppo egoismo («chiedo scusa a Nainggolan, avrei dovuto passargli il pallone») e quei due assist nel primo tempo che potevano chiudere la contesa molto prima, il primo a Maicon ed il secondo a El Shaarawy.

A godersi la vittoria alla fine è anche lui, Elsha, uno che sembrava rinato anche prima di Salah e che è stato festeggiato come ai bei tempi del primo Spalletti romanista, con tanto di 'schiaffoni' in testa. «Per me questa e gia una rivincita, ho passato momenti difficili e ora cerco di riprendermi tutto con il massimo impegno — dice Stephan —. Ma anche quando ero infortunato ho lavorato sempre per uscire da un momento difficile, ora il lavoro mi sta ripagando. Abbiamo sofferto, è stata una grande vittoria, arrivata con il cuore. Il terzo posto? Tutto può succedere. Ora dobbiamo solo continuare cosi, ma senza esaltarci troppo». Lo riporta la Gazzetta dello Sport.

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom