Rassegna Stampa

Anche Roma avrà la sua fan zone per accogliere i sostenitori ospiti

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 26-02-2015 - Ore 08:55

|
Anche Roma avrà la sua fan zone per accogliere i sostenitori ospiti

La formula della fan zone utilizzata anche oggi a Rotterdam, in occasione della partita a rischio Feyenoord-Roma di Europa League, sarà importata in Italia. L’idea piace all’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive e in passato ne aveva parlato anche il vicepresidente operativo Roberto Massucci. In cosa consiste? Partiamo da quanto è stato adottato per oggi a Rotterdam: all’Oude Haven, il porto vecchio, è stato fissato un punto d’incontro per tutti i tifosi romanisti. Qui sarà anche possibile mangiare e bere alcolici (almeno in quei locali che decideranno di restare aperti); da qui poi partiranno i pullman che porteranno i giallorossi allo stadio di Rotterdam.
Nel resto del centro non si potranno bere alcolici per strada, ma questa è una regola che vale sempre nella cittadina olandese, dove evidentemente esistono problemi di eccessi legati al consumo di birre per strada.

 

PRECEDENTI -  La filosofia di fondo della fan zone, già collaudata in occasione di grandi eventi come gli Europei e i Mondiali, è quella di dare un punto di riferimento alla tifoseria ospite, evitando che si disperda in città, concentrandola in una zona definita. Ecco, l’idea dell’Osservatorio è di sviluppare questo modello anche a Roma, ovviamente per le partite più importanti in cui si deve gestire un numero elevato di sostenitori ospiti che devono arrivare allo stadio Olimpico.
Non vengono sottovalutati i problemi rappresentati dalla peculiarità di una città come Roma: per la fan zone appare consigliabile evitare zone di pregio artistico e storico e comunque servono aree molto estese; nella Capitale trovare una zona centrale che risponda a queste caratteristiche non è semplice. Resta un dato: uno dei punti deboli dell’accoglienza dei tifosi del Feyenoord, giovedì scorso a Roma, consisteva nel fatto che non c’era un punto di ritrovo chiaro; gli olandesi hanno scorrazzato per il centro, andando poi a riempire piazza di Spagna e pretendendo di marciare sulla città per raggiungere l’Olimpico (questo, per lo meno, è stato loro impedito).

 

PROBLEMI –  Anche a Rotterdam comunque non mancano le incognite. Sulla scelta dell’Oude Haven per accogliere i tifosi giallorossi, ad esempio, sono state espresse alcune perplessità. Non è molto ampia, è caratterizzata da molti bar con tavolini all’aperto e ha il mare alle spalle. Oltre 2.000 romanisti potrebbero stare stretti in quella zona.

 

POLIZIA -  Ma dall’Olanda fanno notare che in realtà la stragrande maggioranza dei romanisti a Rotterdam non metterà piede: i più fanno base ad Amsterdam e di lì prenderanno un treno speciale alla stazione centrale che arriva direttamente a ridosso dello stadio dove si disputerà Feyenoord-Roma. La polizia di Rotterdam ieri ha avvertito: «Se ci saranno scontri o incidenti reagiremo in modo fermo contro ogni crimine».

Fonte: il messaggero

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom