Rassegna Stampa

Appuntamento a Roma Pallotta porta l’agenda

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-05-2016 - Ore 09:46

|
Appuntamento a Roma Pallotta porta l’agenda

GAZZETTA DELLO SPORT - PUGLIESE - Cinque questioni aperte, tutte lì in attesa di capire come andarle a trattare e, possibilmente, anche chiudere: mercato, Sabatini, Spalletti, stadio e Totti, in rigoroso ordine alfabetico. Sono i temi che si troverà di fronte James Pallotta tra una decina di giorni, quando sbarcherà a Roma a cavallo tra la fine della prossima settimana e l’inizio di quella successiva. Una visita che inizialmente sembrava dover essere in programma proprio in questi giorni di fine maggio e che invece è stata poi posticipata. Da dove inizierà il presidente della Roma?

I rinnovi Probabilmente da Totti, il cui contratto è praticamente fatto e aspetta solo l’arrivo del presidente per l’ufficializzazione. Ancora non è chiaro se la Roma vorrà mettere in piedi un mini-evento o una conferenza, o ci si limiterà ad una mera comunicazione, magari con qualche foto celebrativa. Di certo, il capitano della Roma giocherà ancora un anno e poi entrerà nei quadri tecnici del club, anche se probabilmente non con il ruolo di direttore tecnico. E dopo Totti il presidente giallorosso si siederà al tavolino anche con Spalletti. Per parlare di strategie, ovviamente, ma anche per iniziare a delineare il futuro. Il contratto del tecnico di Certaldo scade a giugno 2017, facile che Pallotta lanci un assist a Spalletti per rinnovarlo. L’allenatore, però, prima di mettere nero su bianco vuole vedere e capire che squadra verrà allestita alla fine di questa sessione di mercato. In soldoni, per lui non c’è fretta, si può sempre intervenire anche dopo, strada facendo.

Tra d.s. e mercato Non è da rinnovare, invece, il contratto di Walter Sabatini (oggi il giorno in cui lascerà il Gemelli?). Ma con lui Pallotta si dovrà mettere a tavolino e parlare di tante cose. A cominciare dalla situazione personale del d.s. giallorosso (che aveva presentato le sue dimissioni oltre 4 mesi fa), con il primo incontro faccia a faccia dopo mesi di silenzi e incomprensioni. Se, come sembra, Sabatini resterà alla Roma ancora per un anno, la cosa migliore è parlarsi e chiarirsi. Su obiettivi, sfere di competenza e operatività. Già, perché poi bisognerà ovviamente mettersi lì per studiare mercato e strategie: in particolare, come arrivare a quei circa 30 milioni che servono entro il 30 giugno per questioni di bilancio? Chi eventualmente vendere? E, nel caso, come e quando sostituirlo? Tutte questioni che Pallotta affronterà con Sabatini, Baldissoni, Zecca e anche Spalletti, per capire subito che Roma potrà nascere per la prossima stagione.

LO STADIO E poi c’è la madre di tutte le questioni, quella dello stadio di Tor di Valle. Dopo anni di promesse, ritardi, progetto prima presentati e poi rivisti e corretti, oggi il faldone di oltre 8000 pagine dovrebbe essere definitivamente pronto. Pallotta nei suoi giorni romani dovrebbe avere dei contatti con le istituzioni, a partire dal Comune (anche sei in un momento di elezioni come questo il commissario Tronca non ci vuole mettere le mani) per finire con la Regione. Sperando che stavolta fili davvero tutto liscio e non ci siano ulteriori ritardi.

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - PUGLIESE

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom