Rassegna Stampa

Arriva Pallotta il futuro di Totti primo caso da risolvere. Ma non è il solo…

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 29-02-2016 - Ore 08:42

|
Arriva Pallotta il futuro di Totti primo caso da risolvere. Ma non è il solo…

IL CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI - Tra le cose di cui stavolta non dovrà preoccuparsi James Pallotta, c’è la gestione tecnica della squadra: le sei vittorie consecutive dellaRoma, infatti, hanno rilanciato le ambizioni nella corsa alla Champions, confermando la bontà dell’esonero di Rudi Garcia in favore di Luciano Spalletti. Una decisione fortemente voluta dal numero uno romanista, in arrivo questa mattina alle 10 da Londracon il suo jet privato, che è stata anche motivo di attrito con il management «romano» della società. Una decisione che Pallotta rivendica e sente sua più di tutte quelle prese finora, ma a cui ne seguiranno altre ugualmente delicate. Dalla sua ultima visita, ottanta giorni fa, sono infatti emerse problematiche che solo lui può risolvere: il caso-Totti, il futuro del d.s. Walter Sabatini e di Bruno Conti, più o meno in questo ordine di importanza.

La vicenda Totti, che lo ha costretto ad anticipare il suo arrivo, è la più urgente perché ha tolto serenità all’ambiente in un periodo cruciale della stagione. A dicembre Pallottaaveva incontrato faccia a faccia il capitano: i due si erano lasciati con la promessa che sarebbe stato Totti a decidere se continuare a giocare o se passare dietro ad una scrivania, forte di un contratto da dirigente già firmato per 6 anni. Francesco gli ripeterà che si sente ancora calciatore e si aspetta che la società rispetti la parola, consapevole che Spalletti non gli riserverà trattamenti speciali. Particolare da non sottovalutare:Totti è ancora oggi l’unico «marchio» spendibile della Roma. Lo sanno Pallotta e laNike, che continua a vendere soprattutto le maglie con il numero 10 sulle spalle. L’altra vicenda da risolvere riguarda Walter Sabatini, che ha il contratto in scadenzanel 2017 ma che ha fatto intendere (non solo al presidente) la sua volontà di cambiare aria. Il d.s. dovrà essere chiaro: se deciderà di dimettersi, si cercherà un sostituto. Discorso diverso per Bruno Conti, che ha il contratto fino a giugno: gli verrà proposto un rinnovo, non più come responsabile del settore giovanile ma come capo degli osservatori. In agenda ci sono poi incontri istituzionali per lo stadio (il progetto definitivo non è stato ancora presentato, e per questo non può partire la conferenza dei servizi della Regione), e alcune riunioni tecniche con i responsabili del marketing, visto che non c’è uno sponsor sulle maglie dal 2013. Pallotta farà visita a Trigoria, dove manca da un anno esatto, e sarà in tribuna venerdì sera all’Olimpico per il match con laFiorentina prima di volare a Madrid con la squadra, impegnata nel ritorno degli ottavi di finale di Champions col Real. Poi tornerà a Boston, si spera, con le idee più chiare sul futuro della sua Roma.

Fonte: IL CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom