Rassegna Stampa

Assist, gol e Olimpico zittito: è tornato Maicon

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 29-10-2015 - Ore 07:23

|
Assist, gol e Olimpico zittito: è tornato Maicon

MESSAGGERO - FERRETTI - Meno di quattro minuti di gioco, e Roma in vantaggio. E, quindi, di nuovo in testa alla classifica. Gol di Pjanic, tanto per cambiare. Stavolta, però, non su calcio di punizione ma con una specie di rigore in movimento calciato alla perfezione: assist di Nainggolan per Maicon e assist millimetrico del brasiliano per il bosniaco che, come se niente fosse, con il piattone destro sul primo palo non ha lasciato scampo a Karnezis. Quinto gol, per Mire. Un’arma letale a disposizione di Rudi Garcia. Neppure il tempo di fare due calcoli, però, e Roma ancora a segno. Con Maicon, proprio lui!, cioè l’autore dell’assist vincente per Pjanic, protagonista di uno slalom gigante in piena area friulana chiuso da un sinistro che ha colto di sorpresa Karnezis. Ricapitolando, meno di dieci minuti di gioco e Maicon super protagonista. E, in un sol colpo, zittiti (anche con ampio gesto della mano, «ce l’avevo con il mio procuratore che mi telefona troppo...», ha bluffato) tutti coloro che lo avevano un po’ snobbato o che lo avevano accolto in campo senza un filo di sorriso. Anzi, con un brusio di fastidio.
QUESTIONE DI FISICODi certo, e lo hanno visto tutti, sia chi era allo stadio e sia chi era davanti al televisore, l’avvio scoppiettante di Maicon, alla terza presenza da titolare (sempre all’Olimpico), è stato salutato con gioia quasi incontenibile da parte dei suoi compagni che, come spesso capita in Casa Roma con il goleador del momento, l’hanno gonfiato, cioè l’hanno riempito di pizzette (Florenzi ha addirittura mimato un calcione...) e schiaffetti sulla capoccia pelata. Che Maicon all’interno dello spogliatoio sia un uomo molto rispettato, oltre che ascoltato, è fuori di dubbio, anche se talvolta gli viene rimproverato (non dalla squadra) un atteggiamento un po’ troppo scanzonato. Tutto questo nonostante il contributo che Maicon ha finora dato alla causa giallorossa non è stato così vistoso: Garcia, però, martedì in conferenza-stampa l’ha un po’ spiegato, precisando che uno come il brasiliano gli serve soprattutto quando c’è da offendere e poco da difendere. Non a caso, Rudi l’ha impiegato soltanto in casa, e contro avversari che si chiamano Sassuolo (rendimento: non bene), Carpi (bene) e Udinese (molto bene). Maicon, se non altro, ieri sera ha dimostrato che se sta a posto da un punto di vista fisico può dare ancora una mano in tutte le occasioni. Ma, come si sa, di doman non v’è certezza.
P.S.: sabato la Roma sarà impegnata in casa dell’Inter, e Maicon (che ha chiuso con la fascia di capitano al braccio) per un milione di motivi vorrebbe esserci. E, chissà, potrebbe pure starci bene...

Fonte: MESSAGGERO - FERRETTI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom