Rassegna Stampa

Baldini via, ora Mancini

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 06-06-2013 - Ore 08:45

|
Baldini via, ora Mancini

(Leggo – F.Balzani) - «Franco Baldini lascia la Roma». Il comunicato è arrivato ieri, ma nessuno si è stupito. La decisione l’ormai ex dg giallorosso l’aveva presa da tempo e comunicata a Pallotta prima del derby.L’ufficialità è arrivata dopo la formalizzazione dell’affare Stekelenburg al Fulham, una trattativa avviata e conclusa dal dg con tanto di firma sul contratto. «Voglio ringraziare la proprietà per l’opportunità che mi è stata data. Sono stato benissimo a Roma e auguro il meglio per il club, i giocatori e i tifosi», le poche righe scritte da Baldini. Pallotta lo ha ringraziato: «Ha avuto un ruolo importante nel lancio del nostro progetto». 

È durata solo 593 giorni quindi la seconda avventura – decisamente meno fortunata della prima – tra Baldini e la Roma. «Io e Walter saremo a stretto contatto con Pallotta e ci occuperemo ora di formare la rosa», ha dichiarato ieri il global Ceo Zanzi che quindi nell’organigramma al momento sostituisce Baldini. Se le dimissioni del dg erano cosa certa, non è altrettanto scontata la scelta del prossimo allenatore. 

Di sicuro c’è l’uscita di scena di Blanc, in pole position fino a qualche giorno fa e ora sostituito nella corsa alla panchina da Roberto Mancini e, leggermente più distaccato, daRudi Garcia. Due candidature supportate da diversi partiti: l’ex-tecnico del City ha come sponsor la dirigenza americana mentre il francese è il nome portato da Sabatini al quale piacciono anche Colantuono (fattibile) e Bielsa (complicato). I tifosi tramite sondaggi web e radio hanno optato in maniera decisa sul nome di Mancini, nonostante il suo passato laziale e forse ignorando che insieme al tecnico di Jesi a Roma tornerebbe Angelo Adamo Gregucci (bandiera della Lazio dei meno 9) oltre all’ ex-romanista Salsano. 

Con Mancini non si è ancora parlato di prospettive di mercato ma, oltre a trattenere i suoi gioielli (anche De Rossi), la Roma dovrà garantirgli una squadra da Champions. Ieri sera il Mancio, che si è detto entusiasta di poter tornare a Roma (dove ha casa), si è sentito telefonicamente con l’avvocato Baldissoni con cui ha iniziato a parlare di un possibile futuro insieme. Problemi economici non ce ne sono visto che le sue pretese si sono abbassate: dai 7,5 milioni che guadagnava in Inghilterra ai 4 che prenderebbe a Roma. 

La richiesta di Mancini è di altra natura: in Inghilterra ha imparato a fare il manager e vorrebbe continuare a farlo, ovvero occuparsi in maniera esclusiva di tutto ciò che concerne l’area tecnica. Un’idea che piace a Pallotta. Difficile possa piacere anche a Sabatini.Anche per questo il ds tiene calda la pista che porta a Garcia e ieri era a Milano per parlare con l’agente del tecnico francese che, comunque, rappresenterebbe l’ennesima scommessa dopo quelle (perse) di Luis Enrique e Zeman. La decisione quindi non sarà veloce né semplice. Per conoscere il nuovo allenatore bisognerà aspettare almeno la prossima settimana.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom