Rassegna Stampa

Barriere in curva, mano tesa ai tifosi: “In futuro possibile togliere i vetri”

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 10-02-2016 - Ore 08:30

|
Barriere in curva, mano tesa ai tifosi: “In futuro possibile togliere i vetri”

LA REPUBBLICA - FERRAZZA - PINCI - Strootman torna in campo con i compagni, aspettando magari che i tifosi tornino allo stadio. Già, perché mentre a Trigoria l’olandese inizia finalmente il lavoro agli ordini di Spalletti, ieri si sono mossi i primi passi per tentare di riavvicinare le curve all’Olimpico. Grazie a un protocollo d’intesa da prefetto e club: “Il comitato per l’ordine e la sicurezza monitorerà sino al termine del campionato, con l’obiettivo di perseguire nel tempo l’eliminazione di tutte le barriere divisorie”. Questo passaggio, fortemente voluto dal dg della Roma Baldissoni e inserito a margine del documento, rappresenta il primo, vero passo delle istituzioni verso i tifosi. Il questore D’Angelo frena: «Per quest’anno non si toglie nessuna barriera». Ma quello che è stato messo nero su bianco è un impegno scritto a rivalutare, “se saranno superate le criticità”, la divisione delle due curve, e a eliminare le nuove vetrate come vorrebbero gli ultras: a patto che tornino all’Olimpico a tifare senza problemi, senza occupare scale e ingressi o esplodere petardi. Il dg romanista, ospite a palazzo Valentini insieme al presidente laziale Lotito, al questore D’Angelo, al capo di gabinetto Massucci, a Nepidel Coni e soprattutto al prefetto Gabrielli, parla di «un accordo di programma per migliorare la fruibilità dello stadio». Fermo restando le misure “antiterrorismo”, sarà ridotto il numero di poliziotti e incrementato quello degli steward: in questo senso,distensione verso la pratica di non rispettare il posto a sedere, tema critico per gli ultras. E poi controlli meno rigidi, per ridurre i tempi d’afflusso allo stadio. Oltre alla possibilità per i tifosi d’interfacciarsi con un delegato dei club (lo Slo, per la Roma Nela), anziché, con la questura per quanto riguarda coreografie e striscioni. Ma segnali di disgelo da parte degli ultrà non si registrano. Anzi. Anche perché l’attenzione dei tifosi della Roma, ieri mattina, si è spostata su Trigoria, doveStrootman è tornato ad allenarsi in gruppo con i compagni. Il centrocampista, a circa sei mesi dall’ultima operazione al ginocchio, ha lavorato prima in palestra e poi sul campo, giocando pure la partitella a fine seduta con il resto della squadra. Secondo le previsioni dei medici, Strootman potrebbe tornare nella lista dei convocati di Spalletti a fine mese. Attenzione alla questione sponsor: oggi in programma allo studio Tonucci un vertice tra i manager giallorossi e quelli della Nike. Obiettivo, provare a ridiscutere gli accordi economici: con l’attuale contratto, valido fino al 2024, guadagna quasi la metà di quanto il Napoli non prenda da Macron.

Fonte: La Repubblica - Ferrazza - Pinci

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom