Rassegna Stampa

Benatia in attesa, Lukaku in partenza

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 08-06-2014 - Ore 09:03

|
Benatia in attesa, Lukaku in partenza

Ascoltandolo parlare otto giorni fa, è sembrato di rileggere i passi della ‘Difesa del Meola’, capolavoro pirandelliano. Perché Sabatini, nel provare a riabilitare Benatia agli occhi della piazza, ha spostato abilmente tutta la critica sull’agente. Un’operazione mediatica scaltra che se ha sortito qualche effetto nella tifoseria, ha avuto meno successo con il diretto interessato. Benatia, infatti, ha gradito poco le esternazioni del dirigente, soprattutto perché il procuratore e amico Sissoko (definito «menestrello alla ricerca di una corte che lo alberghi») non agisce da solo ma cura i suoi interessi. Dimostrazione di questo gelo tra le parti è l’assoluto silenzio che è seguito alla conferenza stampa. Né una telefonata tantomeno una visita a Trigoria da parte del difensore per parlare con la dirigenza.

MEHDI IN STAND BY
Il franco-marocchino trascorre le sue giornate a Ostia, in spiaggia, rilassandosi. Ieri è stato raggiunto da Dodò che nel tardo pomeriggio ha pubblicato su Instagram una foto che lo ritraeva insieme al compagno di squadra. E’ in una posizione di attesa, consapevole che il ‘rischio’ di rimanere nella capitale è alto. Il Bayern Monaco ha preso Garay, il Psg David Luiz, il Barcellona avrà Marquinhos. Rimangono in gioco tre possibili destinazioni, tutte in Premier: Chelsea, Manchester City e United. Dopo una prima offerta rimandata al mittente di 20 milioni dei Citizens, chi vuole Benatia preferisce aspettare per provare in qualche modo a far scendere il prezzo. Le parole di ieri di Lukaku – «L’anno scorso ricordo che entrai nello spogliatoio e vidi Samuel Eto’o e Demba Ba. Ora ne hanno già comprato un altro. Voglio andarmene, l’ho detto al club anche perché ci sono molte squadre interessate a me» – hanno riaperto uno spiraglio, versante Londra. Un paio di settimane fa Mourinho aveva effettuato tramite degli intermediari internazionali unsondaggio per Benatia, disposto anche a sacrificare il cartellino del centravanti belga (che piace anche alla Juventus – offerti 2 milioni per ilprestito e 15 per il riscatto – e all’Atletico Madrid). Poi le mire dello Special One si sono spostate su Mangala (Porto) che però rischia di finire all’asta visto l’interesse dei due club di Manchester. Per questo motivo il franco-marocchino non può far altro che attendere. Del resto a Roma, dove ha da poco comprato casa, si trova benissimo. Il problema, non di poco conto, rimane quel misunderstanding della scorsa stagione: lui pensava che alla fine del campionato la società gli avrebbe rifatto il contratto. Sabatini, invece, riteneva che un adeguamento di 350 mila euro fosse più che congruo.

ANCHE ROMULO ASPETTA
Ma Benatia non è l’unico ad aspettare notizie. In Brasile c’è anche Romulo al quale è stato fatto presente dal d.s. del Verona Sogliano l’interesse della Roma. Il nazionale azzurro, ora a San Paolo con l’agente, ha risposto con entusiasmo alla possibilità di un trasferimento nella capitale che però rimane subordinato all’accordo tra le due società. Con l’eventuale arrivo di Romulo, è presumibile la partenza di Torosidis. Il greco ha mercato in Germania (piace al Werder Brema) ma potrebbe esser inserito anche in qualche trattativa in Italia. Per rimanere in tema-terzini, nei giorni scorsi è stato proposto il laterale sinistro del River Plate, Vangioni, argentino con passaporto italiano che però sembra vicino all’Inter.

LARGO AI GIOVANI
Dopo aver riscattato Balasa dal Viitorul (costo dell’operazione 1,2 milioni) il monitoraggio sui talenti del domani non si ferma. Aspettando l’ufficialità per Uçan, Sabatini ha bloccato il talento croato dell’Osijek Anonic (’97) e segue anche Brozovic della Dinamo Zagabria (’92).

 

 
 

Fonte: Il Messaggero

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom