Rassegna Stampa

Benitez insulta l’Italia: squalificato

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 13-05-2015 - Ore 08:26

|
Benitez insulta l’Italia: squalificato

IL TEMPO PIERETTI - Un turno di squalifica al tecnico del Napoli Rafa Benitez, diecimila euro di multa per Gonzalo Higuain. Il giudice sportivo condanna l’atteggiamento assunto dal centravanti argentino e dall’allenatore spagnolo al termine della partita contro il Parma. L’allenatore paga con una giornata di sospensione la frase «questo è il calcio italiano di m… » intercettata dagli ispettori della Procura federale al fischio finale. All’attaccante azzurro un’ammenda di diecimila euro «per aver rivolto un pesante insulto al portiere della squadra avversaria». Il Napoli – attraverso il proprio legale – ha già annunciato ricorso sia per la sospensione del tecnico spagnolo sia per l’ammenda comminata al giocatore. «La volontà della società è quella di impugnare entrambi i provvedimenti – afferma l’avvocato Grassani – il signor Benitez ha espresso un pensiero personale mentre l’accusa riferita a Higuain è molto generica». Tra tutto questo caos, per fortuna arriva l’uscita «alta» di Mirante a stemperare gli animi di un finale di partita che fa ancora discutere. «La multa la paghiamo a metà così chiudiamo definitivamente il discorso».

Il portiere del Parma chiude ogni discorso relativo a quanto accaduto al fischio finale di Parma-Napoli commentando la decisione del giudice sportivo sul sito ufficiale del club ducale. «Dopo la partita Gonzalo – ha spiegato Mirante – mi ha mandato un messaggio e per me era già finito tutto. In campo queste cose succedono ma poi un minuto dopo finisce tutto. Il nervosismo del momento era anche dettato dal fatto che è stata una partita tirata, noi ogni settimana siamo anche impegnati in vicende extracalcistiche e quindi si trattava di una normale tensione agonistica. Se subiamo un gol c’è scoramento, le ultime due partite sono state condizionate da questo aspetto con il Cagliari e la Lazio. Invece con il Napoli, che è una grandissima squadra, per noi era una gara importante, era una delle ultime occasioni per metterci in mostra e per dimostrare il nostro orgoglio e la nostra dignità».

Fonte: IL TEMPO PIERETTI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom