Rassegna Stampa

Bloooog! Il caso Parma e Higuain: non dire ad altri quello che non vuoi sia detto a te

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 12-05-2015 - Ore 21:37

|
Bloooog! Il caso Parma e Higuain: non dire ad altri quello che non vuoi sia detto a te

Va bene, stasera vogliamo ripassare in padella il polpettone Parma-Napoli? Vogliamo smaltire gli ultimi avanzi del pranzo della domenica? No perché i “Bocca tace” e i "Bocca chieda scusa" dopo che ha accusato e versato fango (ohibò) sul Napoli, abbondano. E non vorrei che si pensasse che io voglia scappare. Anche se a volte vorrei proprio farlo e altre volte magari lo faccio pure, perché no.

Bene, vado al sodo e senza troppe chiacchiere.

Napoli e i napoletani vogliono una revisione del caso in base alle dichiarazione di Donadoni, che dopo aver pesantemente accusato Higuain e i dirigenti del Napoli di lesa dignità nei confronti del Parma e dei parmigiani ha fatto marcia indietro.

Com’è noto il Parma – Donadoni prima di tutti - si è lamentato e scandalizzato molto per il fatto che a fine partita sono volate parole grosse, tra cui anche dei “falliti” nei loro confronti. Donadoni ha ritrattato? Beh, più precisamente Donadoni ha detto: “Non credo che sia il caso che la Procura Federale apra un’inchiesta”. E ancora: “Non credo che il Napoli volesse in regalo da noi i tre punti. La foga in campo spesso ti porta a dire sciocchezze, piuttosto chi è fuori, e quindi più lucido, non dovrebbe avere certe reazioni”.

Bene, detto che io su questa storia non ho indugiato più di tanto se non il dovuto - ad esempio ho messo di più l'accento sull'inaffidabilità costituzionale del Napoli di quest'anno - non mi sembra che siamo di fronte a due verità diverse ed opposte, bianco e nero. Donadoni dice, nella sostanza, che su quei fatti non è necessaria un’indagine e dunque una possibile conseguente sanzione da parte degli organismi disciplinari del calcio italiano. Sono anche io della stessa opinione, tanto è vero che non ho mai detto o scritto che la giustizia sportiva dovrebbe interessarsi di questo caso. E comunque Palladino io non l'ho più sentito da domenica, mentre Mirante dice che l'sms di Higuain lo rtiMa al di là di questo, il fatto che volino offese verso i calciatori del Parma, riguardo alla situazione della loro società, non mi piace per niente. E dunque resto dell’opinione primaria. Primo perché non mi sembra che si siano portati alla luce fatti diversi. Secondo perché il Napoli ha l’esecrabile viziaccio di parlare via Twitter e via sms (Higuain a Mirante). E’ tutto falso quello che è stato detto e scritto? Bene, venga fuori, parli, risponda banalmente a delle domande, perché Donadoni, Palladino etc lo hanno fatto.

Se Napoli e i napoletani si mettono a discutere tecnicamente il termine “falliti”, che ha un suo singolarissimo, per altro, fondo di verità, affermando che non è un’offesa; se si mettono a discutere sulla regolarità del campionato del Parma, i cui giocatori hanno fatto tutti gli sforzi possibili per portare a termine la stagione e non interromperla traumaticamente a metà, si mettono nella stessa condizione di quei tifosi romani che offendendo pesantemente la madre di Ciro Esposito si difendevano: “Perché non è vero che lucra su quella storia?”.

Io sono sempre dalla parte del Napoli nei casi di razzismo, e lo sono stato anche nel recente caso di Ciro Esposito all'Olimpico di Roma. Per questo certi atteggiamente mi fanno doppiamente incavolare. Biblicamente parlando deve applicare rigorosamente la regola del: non dire ad altri quello che non vorresti venga detto a te. Detto questo nessuno ha chiesto un’inchiesta o provvedimenti punitivi nei confronti dei giocatori e dei dirigenti del Napoli.

Se posso scherzarci un attimo, anche per stemperare la foga di quelli che ci vedono sempre la congiura mondiale, è come mettersi nella posizione del siciliano Aldo Baglio (Aldo, Giovanni & Giacomo) quando dà dei terroni a tutti quelli a Sud di Caltanissetta. Alcuni del Napoli si sono comportati a Parma con lo stesso piglio arrogantello, di altri squadroni più titolati e blasonati quando incontravano o incontrano tutt’ora il Napoli.

La Corte dichiara chiuso il caso.

 

Fonte: Repubblica.it/F.Bocca

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom