Rassegna Stampa

Bradley ok. Garcia lo adora, lui per la Roma non si ferma mai

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 25-08-2013 - Ore 10:30

|
Bradley ok. Garcia lo adora, lui per la Roma non si ferma mai

 A pensarci bene, è già diventato indispensabile. Un po’ per l’infortunio che ha tolto di mezzo Kevin Strootman per la sfida di oggi a Livorno (e forse anche per quella di domenica prossima con il Verona), un po’ perché la situazione di Erik Lamela costringerà Garcia a schierare Florenzi ancora una volta nel tridente d’attacco. Ed allora Michael Bradley oggi partirà titolare e toccherà a lui correre per due, contro un cencentrocampo (quello del Livorno) la cui cerniera sarà spesso a cinque. Del resto, a De Rossi toccherà il compito di regalare tempi e geometrie alla squadra, a Pjanic quello di inventare ed innescare le punte. Il marine, invece, come sempre si dovrà dedicare al lavoro sporco, a quel corri e cuci che però gli riesce benissimo e che anche in America l’ha messo in luce.

Considerazione Che Bradley sia uno di quelli che ha giocato di più, finora, non è un mistero, in un precampionato in cui era partito come al solito dalle retrovie. E che Rudi Garcia lo adori per dedizione e spirito di sacrificio neanche, tanto che a Washington, dopo l’amichevole persa per 21 contro il Chelsea, il tecnico francese si espresse così si Michael: «Lui non è solo un grande giocatore, ma anche un grande uomo, uno di quelli che lavora sempre per la squadra. Ed un allenatore non può che essere felice di avere giocatori così». Oggi all’americano toccherà proprio quel compito lì, lavorare per la squadra. Se la vedrà, probabilmente, con un ex giallorosso come Leandro Greco, ma Garcia gli chiederà soprattutto coperture difensive e aggressione sui portatori di palle, quello che gli riesce poi meglio.

Insostituibile Se poi domenica prossima dovesse tornare a disposizione Strootman, probabilmente Bradley tornerà nelle retrovie, almeno sulla carta, in un centrocampo che lo vede alle spalle del trio PjanicDe RossiStrootman. Ma chissà che poi la partita di oggi non mischi ancora di più le carte a Garcia, che comunque vada sa di poter contare su un giocatore sempre capace di garantire un rendimento all’altezza della situazione. In più, Bradley è uno di quelli che fa spogliatoio: sorriso sempre stampato sul volto e polemiche con il contagocce. Ed allora, oggi correrà anche per questo, per aiutare la Roma a vincere e confermarsi ancora una volta insostituibile. A modo suo, è vero. Ma di fatto è così.

 

 

Fonte: Corsport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom