Rassegna Stampa

Caccia ai magnifici sei per sognare lo scudetto

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 31-12-2015 - Ore 08:00

|
Caccia ai magnifici sei per sognare lo scudetto

CORRIERE DELLA SERA - BOCCI - L’Inter e la Juve sono a caccia di un regista, la Fiorentina di un difensore roccioso e un’ala abile a saltare l’uomo, il Napoli ha bisogno di rimpolpare la panchina corta, la Roma cerca un terzino destro per liberare Florenzi e un attaccante esterno per favorire i colpi di testa di Dzeko. Gennaio è un mese cruciale nella corsa allo scudetto perché si gioca e si compra e la tensione, in certi momenti, rischia di combinare brutti scherzi. 
Una partita doppia lunga un mese che può cambiare, persino stravolgere, gli equilibri sottili del campionato più incerto degli ultimi 25 anni. Tra l’Inter capolista e la Roma quinta ballano appena 4 punti. Un soffio di vento. Senza contare il Milan, criticato e involuto, ma lontano «solo» 8 lunghezze dalla vetta: con i rinforzi giusti Mihajlovic potrebbe zittire Berlusconi e puntellare la panchina. Mai, come stavolta, il mercato rischia di condizionare la corsa al titolo. Gennaio stressa e sfinisce, eccita i tifosi, distrae i giocatori, complica la vita degli allenatori che lo aspettano a gloria e al tempo stesso lo temono. 
L’Inter è prima e Mancini vuole rinforzi perché l’occasione di vincere lo scudetto è troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire. Servono un regista per rendere più fluido il gioco e un’ala per trasformare le ripartenze in coltellate al cuore degli avversari. Biglia e Lavezzi sarebbero perfetti. Mica però è facile. Il primo, blindato da Lotito, è al momento una missione impossibile. Così Mancio da giorni ha suggerito Lassana Diarra. Il problema? Ha più muscoli che senso tattico. 
Lavezzi è una partita aperta. A Doha, dove Inter e Psg si sono affrontate in amichevole, il presidente Thohir è riuscito appena ad accennare la questione del Pocho con i francesi visto che erano assenti sia l’emiro al Thani (proprietario) sia al Khelaifi (il presidente). L’Inter vorrebbe Lavezzi gratis, il Psg chiede 6-7 milioni. Sarà un lungo inseguimento. 
La Fiorentina seconda ha soprattutto bisogno di un difensore per allungare la coperta corta. I viola, con il sì dell’argentino Lisandro Lopez, hanno dato un ultimatum al Benfica: o sì o no entro il 10 gennaio. Altrimenti Mexès più di Fazio, argentino scaricato dal Tottenham. Per quanto riguarda l’ala non si sblocca il Papu Gomez. Si pesca all’estero: dall’honduregno Najar dell’Anderlecht all’argentino Lucas Ocampos del Marsiglia. Se parte Suarez arriva Grassi dell’Atalanta. 
Il Napoli ha bisogno di rinforzi per dare cambi ai titolari in mezzo al campo, complice il fallimento di Valdifiori. Vecino della Fiorentina è un’ossessione destinata a rimanere tale, il portoghese André Gomes del Valencia un progetto, Zielinski dell’Empoli è il nome a sorpresa. Sarri ha chiesto due acquisti. 
La Juve in rimonta vuole un regista perché Allegri intende riportare Marchisio al vecchio ruolo di interno con licenza di attaccare e fare gol. Il tedesco Gundogan del Borussia Dortmund può meritare uno sforzo da 30 milioni ma bisogna fare attenzione alla concorrenza del Bayern di Ancelotti. Altrimenti l’argentino Banega, mentre si allontana Moutinho. Fernando della Samp la soluzione last minute. 
La Roma è un fiume in piena ed è difficile lavorare in queste condizioni. Perotti del Genoa è il sostituto ideale di Iturbe, ma crescono le azioni di El Shaarawy. Caccia al terzino destro per riportare Florenzi al suo ruolo di esterno e ad un’alternativa a Digne. 
Il Milan parte con l’handicap. Il caso El Shaarawy, congelato dal Monaco ad un solo minuto dall’obbligo di riscatto fissato a 14 milioni, ha gelato Galliani. Il Faraone tornerà in Italia, al Bologna o alla Roma, che non lo prenderà alle stesse condizioni dei francesi. Un brutto colpo per i rossoneri, proprio adesso che lo Zenit San Pietroburgo ha deciso di cedere Witsel (costa 30 milioni). Per il 4-4-2 il sogno impossibile è Candreva, quelli più realistici Rabiot del Psg e Banega. Inoltre, come ha dichiarato Costacurta al Corriere , servirebbe un difensore di qualità accanto a Romagnoli. Tanta carne al fuoco senza soldi da spendere. Galliani si dovrà ingegnare e intanto sfoltire l’organico: via Diego Lopez, De Jong, Mexès e Nocerino. 

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - BOCCI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom