Rassegna Stampa

Calcio malato, l’estate violenta del pallone. Scontri, feriti e arresti. Anche la serie A ora ha paura

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 27-07-2015 - Ore 11:27

|
Calcio malato, l’estate violenta del pallone. Scontri, feriti e arresti. Anche la serie A ora ha paura

CORRIERE DELLA SERA - DE CAROLIS - Non è uno gioco per famiglie, almeno non Italia. Anche perché non è un gioco ma un business, guidato da interessi economici, intorbidito dalla politica, brutalizzato dalla violenza ultrà. L’estate del calcio è uguale all’inverno: botte, sangue, feriti, arresti. Il refrain è il classico di un Paese incapace di mettere a reddito l’industria pallonara .

Gli scontri ci sono sempre stati, con gli ultrà novelli gladiatori in vetusti colossei, ma la novità della stagione 2015/16 sono le violenze estive. Si è cominciato appena partiti i ritiri. Hanno acceso la miccia i tifosi della Lazio, picchiando ad Auronzo di Cadore un vicentino. La violenza non ha confine e pure in Europa i biancocelesti si sono distinti: 23 arresti prima della gara con l’Anderlecht .
Peggio hanno fatto le tifoserie di Bologna e Spezia. Si sono incrociate a Castelrotto, in Trentino. Il Fan Village attrezzato dai rossoblù per i bambini è diventato arena di scontri sotto gli occhi dei piccoli, con i giocattoli trasformati in armi. Le famiglie scappavano, i bambini piangevano e non perché alla fine i loro trattorini erano tutti insanguinati. «Fatti da condannare» ha detto la società, più netto l’ex capitano Marco di Vaio: «Una figura di m…». Punto, senza a capo però.

Non c’è limite o fine. L’Udinese ha visto chiudersi al 36’ il «friendly match» con il Galatasaray. A Klagenfurt i tifosi turchi hanno oscurato il campo con i fumogeni. Partita sospesa e tutti a casa con la denuncia del club di Istanbul: «Non ne possiamo più degli ultrà in trasferta». L’elenco è lungo e coinvolge pure gli israeliani del Beitar Gerusalemme in trasferta a Charleroi, i tedeschi dell’Eintracht Francoforte che hanno battagliato con gli hooligan del Leeds United in Austria: 7 feriti e 20 arresti. La follia porta fino a due padovani denunciati sabato per la battaglia con i «guerriglieri» della Spal, a Calalzo in Veneto .
Inutile stupirsi delle randellate tra piccole realtà, spesso sono le più cattive. Gli ultimi dati disponibili (2013/14) del Centro Nazionale di Informazione sulle Manifestazioni Sportive censiscono tra le più violente la Vis Pesaro responsabile del 4% del totale feriti e la Nocerina (3%), capace di appaiare il Milan nella classifica delle mazzate. La Samp ha vinto lo scudetto dei Daspo: gli ultrà ne hanno collezionati 115.
L’estate violenta del calcio è appena a metà, ma già ci sono preoccupazioni per il turno di Europa League che la Samp sarà costretta a giocare il 6 agosto all’Olimpico di Torino contro i serbi del Vojovodina. Le tifoserie granata e blucerchiata sono nemiche da sempre .
Il pallone è bucato non solo per via di stadi inadeguati e leggi spesso inutili, fatte e riviste, come la tessera del tifoso. Le gare con feriti crescono (+37%) e gli incidenti sono sempre più lontani dagli impianti.
Il quadro del calcio italiano è uno scarabocchio rispetto ai concorrenti. La Premier League inglese ha un tasso di riempimento degli stadi del 92%, la Bundesliga dell’89%, la serie A è scesa al 52%. A che serve fare tournée in ogni parte del mondo se non si riesce a portare i tifosi dentro la propria casa? Il richiamo ai modelli inglese e tedesco, ai loro stadi moderni e alle leggi inflessibili è continuo. Ma se da primo campionato del mondo la serie A è scivolata al quinto d’Europa è anche per il pubblico ammesso ai match. In Inghilterra e Germania il calcio è uno spettacolo per famiglie. Gli stadi sono diventati teatri sicuri, però costosi. L’aumento dei prezzi dei biglietti ha fornito la prima pesante scrematura, il divieto di striscioni, bandiere e la limitata possibilità di movimento sugli spalti ha finito per sfrattare i violenti .
L’industria italiana del calcio ha 22 milioni di appassionati e 9 milioni di persone ogni domenica lo guardano in tv, ma la sicurezza è vissuta come un fastidio, aggirata da una pioggia di deroghe. Così diventa inutile guardare ai modelli esteri perché resta irrisolvibile un problema: non siamo né inglesi né tedeschi. E stavolta va detto purtroppo.

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - DE CAROLIS

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom