Rassegna Stampa

Calcioscommesse: tifosi parte lesa. Al setaccio cellulari e tablet degli indagati

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-12-2013 - Ore 09:23

|
Calcioscommesse: tifosi parte lesa. Al setaccio cellulari e tablet degli indagati

Giustizia anche per i «loggionisti» del calcio; tutela per chi compra il biglietto dello stadio convinto di assistere a una partita leale e invece si è visto rifilare un match truccato. Si muove in questa direzione l’ordinanza con cui il tribunale di Cremona ha incaricato ieri tre esperti informatici di scandagliare a fondo i computer, gli smartphone, i tablet sequestrati agli indagati del calcioscommesse. In calce al provvedimento il gip Guido Salvini ha elencato le parti lese dell’inchiesta; e accanto ai nomi della Lega Calcio di serie A e B, della Figc, del Coni e di tutti i club danneggiati dal comportamento dei loro tesserati, ecco comparire anche il Codacons, l’Adiconsum e la Federsupporter, un’associazione che riunisce gli abbonati della domenica e i piccoli azionisti delle società.

L’ordinanza ha accolto una richiesta presentata dal pubblico ministero Roberto Di Martino. «Abbiamo voluto mandare un segnale —dichiara quest’ultimo—perché in Italia non è facile avviare class action ma ci sono degli interessi, come quelli dei tifosi e degli appassionati di calcio, non sufficientemente rappresentati e tutelati». Solo al momento del processo le associazioni potranno divenire parti civili a tutti gli effetti e chiedere un risarcimento, passaggio tutt’altro che facile e scontato. Grazie all’ordinanza del giudice Salvini i legali dei consumatori potranno partecipare a importanti fasi dell’istruttoria. I periti nominati ieri scaveranno nella memoria remota degli apparecchi sequestrati a caccia di mail, sms, conversazioni via Skype o Voip, contatti telefonici in grado di portare alla luce nuove partite truccate o di irrobustire i capi di accusa già contestati. L’ordinanza dà precise istruzioni come quelle di cercare nomi di squadre o giocatori di serie A e B, o parole chiave come «zingari», «over» o «bolognesi».

Nessuna sorpresa nell’elenco degli indagati: vi figurano l’allenatore della Juve Antonio Conte (ma per fatti riguardanti la sua esperienza al Siena), Cristiano Doni, Beppe Signori, Stefano Mauri, Bobo Vieri, Stefano Bettarini e tutti gli altri personaggi finiti nell’inchiesta esplosa due anni fa. Sempre tra le parti lese troviamo anche alcuni tra i maggiori club di serie A come Juventus, Inter e Napoli. La procura di Cremona, infine, ha avviato due rogatorie internazionali, con Singapore e la svizzera per raccogliere ulteriori prove a supporto dell’esistenza di una organizzazione criminale transnazionale.

Fonte: Corriere della Sera

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom