Rassegna Stampa

Campo Testaccio, si muove il Comune

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 21-05-2015 - Ore 08:00

|
Campo Testaccio, si muove il Comune

IL TEMPO - DI SANTO - Dopo anni fatti di lungaggini e degrado la vicenda di Campo Testaccio è all’ultimo miglio. È attesa entro il 15 giugno la sentenza del Consiglio di Stato chiamato a confermare o rigettare la decisione del Tar che restituiva al Campidoglio l’area del primo stadio dellaRoma, oggi solo una buca a cielo aperto, sotto sequestro ma occupata illegalmente da ladri e spacciatori. Ieri su iniziativa dell’assessore allo Sport Paolo Masini c’è stato il sopralluogo dei tecnici degli assessorati allo Sport e alla Mobilità a cui hanno partecipato l’avvocatura capitolina e la presidente del I Municipio Sabrina Alfonsi.

Un’occasione per prendere atto delle situazione in cui versa l’area e valutare la realizzabilità dei diversi progetti di riqualificazione al vaglio del Campidoglio. Uno spettacolo impietoso, per ora, con i reperti archeologici spuntati durante i lavori alla mercè di chiunque e i container della Soprintendenza occupati dagli abusivi. Risultato del contenzioso tra il Consorzio Romano Parcheggi, che nel 2006 avrebbe dovuto realizzare 70 posti auto interrati, e il Comune dopo il mancato rispetto degli accordi da parte del costruttore. Il Tar diede ragione al Campidoglio restituendo l’area alla città ma il ricorso del consorzio - un rappresentante ieri era presente - ha bloccato tutto.Tra pochi giorni, però, Campo Testaccio dovrebbe tornare ai cittadini. Il giudice del secondo grado amministrativo, infatti, si è già espresso in via sommaria ritenendo non validi i motivi alla base della richiesta di sospensione della sentenza del Tar da parte del costruttore.
Masini, martedì, era tornato a rassicurare le associazioni del territorio: appena l’area rientrerà nella disponibiltà del Comune si darà il via al bando per la sistemazione.

«Potevamo fare questa riunione in ufficio ma siamo voluti venire qui per verificare lo stato dell’area a pochi giorni dalla sentenza», dichiara la presidente Alfonsi. «Ci sono diverse proposte in campo, anche da parte dei cittadini - continua - e vogliamo trovare in tempi rapidi una soluzione. Campo Testaccio tornerà a essere un impianto sportivo con un campo di calcio e sicuramente non si faranno più parcheggi sotterranei. Stiamo pensando anche di estendere l’intervento ad alcune costruzioni limitrofe, ci sono ex attività commerciali che non hanno più i titoli e altri stabili occupati abusivamente. Per il rione Campo Testaccio, dato il valore simbolico e affettivo, è qualcosa di più un ex campo sportivo».

Fonte: IL TEMPO - DI SANTO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom