Rassegna Stampa

Candreva vola De Rossi deve ritrovarsi

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 03-06-2013 - Ore 08:30

|
Candreva vola De Rossi deve ritrovarsi

(Gazzetta dello Sport – M.Cecchini) Tutti dentro, ciascuno con la propria valigia gonfia di speranze e rivincite da consumare in meno di un mese. Alla mezzanotte di ieri la cenerentola Italia ha smesso gli abiti casalinghi per provare a trasformarsi in principessa da esportazione (Repubblica Ceca e Brasile), con gli azzurri ritornati tra le mura del centro sportivo di Coverciano, in attesa che oggi Cesare Prandelli dirami le convocazioni in vista della Confederations Cup. Rispetto al gruppo che aveva affrontato la prima parte del ritiro, ci saranno tre aggregati provenienti da Roma: Federico Marchetti, Daniele De Rossi e Antonio Candreva, reduci dalla finale di Coppa Italia. Se il portiere vive all’ombra di capitan Buffon, i due centrocampisti di Roma e Lazio attraversano un momento speculare della loro carriera, con possibili riflessi anche in azzurro. 

CRISI DE ROSSI La stagione appena terminata è stata forse la peggiore nella carriera di De Rossi, conclusa con una contestazione del tifo nei suoi confronti. Il rendimento del centrocampista è stato al di sotto delle aspettative, certificato anche dallo «zero» nella casella dei gol stagionali segnati nella Roma. Un paradosso, se si pensa che in Nazionale invece, nel 2012-13 le reti siano state addirittura 4 (Inghilterra, Armenia, Danimarca e Brasile). Alle soglie dei 30 anni (fra un mese) Daniele appare un bivio, con la Roma pronta a cederlo davanti ad una offerta appena ragionevole (12 milioni). Nessuna sorpresa, perciò, che De Rossi cerchi in Nazionale quella serenità che a Roma ormai gli manca. 

JOLLY CANDREVA  Sensazioni opposte, invece, sta vivendo Candreva, la cui metà sarà riscattata subito dalla Lazio a prezzo di saldo (1,7 milioni). L’ottima stagione disputata – arricchita da 7 gol – è valsa ad Antonio un trofeo e soprattutto la stima di Prandelli, che lo ritiene duttile abbastanza sia per giocare dietro le punte nel 4-3-1-2 di riferimento, sia per allargarsi sulla fascia e costruire così il desiderato 4-3-3. Insomma, fra i 23 che partiranno prima per Praga e poi per Rio de Janeiro loro ci saranno di sicuro, così come l’acciaccato Barzagli. Il c.t. infatti è deciso a convocarlo, riservandosi un eventuale (e difficile) taglio solo più avanti, qualora i problemi tendinei non si risolvessero. Meglio incrociare le dita .

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom