Rassegna Stampa

Capolavoro Roma, Fiorentina battuta 4-1

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 05-03-2016 - Ore 07:06

|
Capolavoro Roma, Fiorentina battuta 4-1

IL TEMPO - MENGHI - Vince il capolavoro, l’opera d’arte fa da spettatrice. La Roma si prende il terzo posto solitario superando con un netto 4-1 la Fiorentina e inanellando la settimana vittoria consecutiva. Un filotto da Champions, con vista sul secondo posto, lontano appena due punti (aspettando Napoli-Chievo di domani sera). Spalletti rinuncia per la seconda volta consecutiva a Dzeko, spedito in panchina per schierare il terzetto Salah-Perotti-El Shaarawy che manda in titl anche le difese più solide. Come quella viola, capace di passare da tre a quattro in un attimo, ma con qualche blackout a volte fatale. Come oggi. I primi dieci minuti sono di studio, la Fiorentina chiude bene gli spazi e la Roma tiene il pallone senza trovare sbocchi, il primo squillo è di Ilicic, che libera il sinistro, di poco alto sopra la traversa. Rudiger gli lascia scoperto il piede migliore e lui prova a farlo valere, ma non ci riesce. Al 16’ Roncaglia sradica il pallone a Salah mentre stava calciando: salvataggio incredibile. Al 22’ l’egiziano (partito in leggero fuorigioco, non fischiato) realizza l’assist (col destro) solo da spingere in rete per El Shaarawy, che sigla l’1-0. Quinto gol in sei partite di campionato per il Faraone, che tiene i ritmi di Higuain. Al 25’ Salah trova il raddoppio immediato, complice la deviazione di Astori che trasforma il tiro dalla distanza in un pallonetto imprendibile: 2-0. Al 27’ Perotti supera Astori e conclude in diagonale, la palla sul palo salva la Viola. Al 38’ El Shaarawy scappa alla difesa avversaria e con l’esterno destro trova Perotti in mezzo all’area: stavolta l’argentino centra la porta per il 3-0. Nainggolan sfiora il poker, tiro sul fondo. Al 47’ l’arbitro, dopo un confronto con l’assistente d’area, dà rigore per fallo di Digne su Tello. Ilicic la piazza e segna il 3-1 prima di rientrare negli spogliatoi. Al 13’ della ripresa è Salah a riallungare le distanze, il dente avvelenato dell’ex punge ancora: scatta tutto solo su lancio col contagiri di Pjanic, poi la fa passare tra le gambe di Tatarusanu. Ѐ poker giallorosso e il dodicesimo centro stagionale dell’egiziano. Quando vede viola dall’altra parte diventa micidiale. Visto l’ampio vantaggio maturato, Spalletti – dopo aver cambiato Perotti acciaccato – accontenta il pubblico e manda in campo Totti ad un quarto d’ora dalla fine. Gli fa spazio El Shaarawy. Una Fiorentina sottotono chiude con un passivo di quattro gol: mai ne aveva subiti tanti in questo campionato (l’ultima goleada risale al marzo 2015, proprio all’Olimpico, ma contro la Lazio). Nel primo dei due minuti di recupero Totti calcia una punizione a giro da applausi, manca la porta di pochissimo e non lascia il segno, ma ai suoi tifosi cambia davvero poco. Finisce 4-1, la Roma continua a macinare punti e a scalare la classifica.

Fonte: Il Tempo - Menghi

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom