Rassegna Stampa

Carissimi allenatori, deriva del mercato

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 24-05-2013 - Ore 10:15

|
Carissimi allenatori, deriva del mercato

(Corriere della Sera – M. Colombo) - Il calciomercato ai tempi della crisi. Quando il fair play finanziario non era ancora entrato a gamba tesa sulle politiche economiche e sulle strategie societarie dei maggior club del continente, i presidenti Paperoni d’Europa si scatenavano scippandosi l’un l’altro a colpi di miliardi stelle e attaccanti. Non che gli allenatori fossero una figura marginale del progetto, ma di certo non rivestivano quel ruolo centrale che ricoprono ora. Non potendo più muovere montagne di euro per rivoluzionarie campagne acquisti, le società si affidano alle capacità e ai piani a lungo termine dei maghi della panchina.

Allenatori pagati come star, divenuti personaggi glamour (Mancini), tombeur de femmes(Mourinho), o più semplicemente guru da idolatrare (Guardiola). Il fil rouge che li accomuna è lo stipendio faraonico che percepiscono, a tutte le latitudini. A poche ore dal fischio finale del campionato, le panchine di mezza Europa stanno subendo un movimento tellurico. Il più corteggiato e perciò il più retribuito è sempre lui, lo Special One. Per il ritorno di fiamma a Stamford Bridge, José Mourinho percepirà 7,5 milioni di euro a stagione per quattro anni. Cifra che con i bonus potrà toccare la vetta monstre di 10 milioni.[...]

Chissà cosa penserà di questo Carlo Ancelotti che, in attesa di essere liberato dal Psg che fa resistenza, pregusta il contratto triennale da 7 milioni netti che lo attende a Madrid. In Spagna vociferano che l’ufficialità dell’ingaggio avverrà il 3 giugno, a Liga conclusa (è curioso che l’ultimo impegno ufficiale di Carletto sia con il Milan: il 31 maggio a Tbilisi allenerà nella gara d’addio di Kaladze ex allievi come Maldini, Shevchenko, Rui Costa e Inzaghi). Ha lasciato la Spagna Pep Guardiola, l’ossessione di Berlusconi, destinato invece a guidare i già finalisti di Champions League bavaresi. Al Bayern Monaco resterà tre anni guadagnando 6 milioni di euro a stagione: icona del terzo millennio, alfiere del bel gioco e di valori positivi non ha mai anteposto le ragioni del portafogli a quelle delle idee (ma intanto il bonifico che percepirà a fine mese lo aiuterà ad affrontare in maniera ancora più zen la vita).

A casa nostra i nomi più gettonati sono quelli di Massimiliano Allegri e di Walter Mazzarri. Il primo, formalmente legato al Milan almeno fino a lunedì — giorno in cui è previsto un incontro fra Berlusconi e Galliani — è lusingato dal contratto triennale che gli ha già prospettato la Roma: 2,8 milioni di euro più bonus a stagione con la possibilità di intervenire in maniera attiva nella campagna acquisti.

Un altro livornese farà il percorso inverso e arriverà a Milano: si tratta di Mazzarri, a cui Moratti ha proposto un contratto biennale da 3,5 milioni. [...]

 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom