Rassegna Stampa

Carminati vantava un bonus con “Daniele della Roma”

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-12-2014 - Ore 17:01

|
Carminati vantava un bonus con “Daniele della Roma”

Il “Nero ” intercettato con Mario Corsi, ex Nar e “Voce ” radio giallorossa parlano dell’ultimo regalo per un amico. l’accenno è a De Rossi o a Pradè?

Mario Corsi in arte Marione è il ras delle radio romane. La sua trasmissione Te la do io Tokyo, su Centro Suono Sport, è da 10 anni la più ascoltata dal popolo giallorosso. Negli atti dell’indagine Mafia Capitale, però, è citato per i suoi rapporti con Massimo Carminati. Condividono un passato nei Nar, i Nuclei Armati Rivoluzionari. Corsi, definito dai carabinieri del Ros, “pluri - pregiudicato ex militante Nar” è stato assolto per l’omicidio di due militanti milanesi, Fausto Tinelli e Lorenzo “Iaio” Ian - nucci uccisi nel ‘78, e archiviato per quello di Mario Zinzi a Roma. IL 27 GENNAIO 2012, i Ros guidati dal generale Mario Parente attivano la loro cimice nella auto di Carminati, alle 17:15 sale Marione. I carabinieri non lo identificano nell’informativa, ma il luogo in cui sale e scende e la voce non lasciano dubbi: è Marione. Si legge nel brogliaccio: “Un uomo (Corsi, ndr) sale in macchina con Massimo e Massimo dice che ha visto Claudio e che gli serve una maglietta (della Roma, ndr) per un amico suo che sta morendo di tumore e gli ha chiesto una maglietta o di fargli incontrare qualche giocatore famoso. I due – annota il Ros – dicono che potrebbero interessare un certo Daniele e Massimo dice che con Daniele hanno un bonus”. Insomma, sembrerebbe che un “Daniele” della Roma calcio debba un favore al presunto boss della Mafia Capitale. Il Ros non lo identifica, ma poco dopo registra: “Poi discutono della possibilità di raggiungere De Rossi”. Il vicecapitano giallorosso potrebbe essere l’uomo verso il quale Carminati pensa di vantare un bonus? Il 24 agosto 2013, un anno e mezzo dopo, è stata intercettata una telefonata di richiesta di aiuto dopo una lite in ristorante, che partiva dal calciatore ed era diretta a un amico di Carminati, arrestato con lui: Giovanni De Carlo, detto Giovannone. Ma Carminati vantava un altro amico nella Roma del gennaio 2012: l’allora direttore sportivo Daniele Pradè, che a differenza di De Rossi non è citato nel brogliaccio. I DUE QUEL GIORNO continuano a parlare della Roma. “L’uomo (Marione, ndr) riceve una telefonata da un certo Roberto e parlano di foto fatta a una persona famosa, probabilmente un calciatore, l’uomo fa il nome di Burdisso che avrebbe dato dei consigli giusti per evitare foto scandalose. L’uomo che è in macchina con Massimo sembra avere familiarità con l’ambiente della Roma”, annota il Ros, che poi registra anche riferimenti a “quattro mignotte moldave che hanno cominciato a dirlo ai paparazzi”. La sensazione è che Mario Corsi si stia riferendo a una situazione imbarazzante per un calciatore che non è Burdisso, ora al Genoa. Il Ros continua a registrare altri discorsi “da bar” o “da radio” che potrebbe fare chiunque sui temi del momento: si parla di Giovanni Malagò, di James Pallotta. Corsi “dice che Malagò è ‘avvelenato’ e che Pallotta abbia detto che a lui Baldini non gli interessa e invece vuole Giovanni (Malagò?) in società”. A un certo punto Carminati, probabilmente riferendosi alla telefonata sul campione fotografato in situazione imbarazzante, dice: “Ci manca solo quello, andiamo a fare le stronzate, non se rende conto di che reato andiamo a parlare”. E ridendo aggiunge: “Hanno preso 12 anni, noi con i calciatori férmate ”. A quel punto Mario Corsi risponde “che loro della banda della Magliana ne stanno a parla’ ancora dopo 50 anni, con una botta così ci fanno ancora cinque anni, ma cinque anni di prima pagina”. Dopo un caffè al bar delle Muse, Carminati e l’uomo che dovrebbe essere Corsi risalgono in auto e la conversazione vira su omicidi, killer, lance e mitra. “Parlano –annota il Ros –di un vecchio fatto di sangue, di qualcuno che usava arco e frecce, l’uomo dice ‘che l’ha fatto il Sordi (Walter, ex Nar, poi pentito, ndr) con qualcun’altra’ ”, Massimo accenna a “quell’imbecille del Carota, mannaggia... quel killer del cazzo” e l’altro fa il nome “Sallo”: “L’hanno combinato maluccio”, dice. Massimo parla di una “lancia da indiano” e aggiunge: “A Saullo non hanno trovato niente perché da quello che mi ricordo io lo hanno ammazzato con un M16”, poi accenna ad altre armi, “garan” e “fai” annotano i militari ma forse Garand e Fair, quindi alla “re - lazione con la donna del Cirami (fonetico), non è che tutto sto odio forse era per quello?”. LA CONVERSAZIONE è criptica. Secondo il Ros Carminati e Corsi commentavano “vecchi fatti di sangue”. In particolare “il duplice omicidio commesso a Roma dai Nar il 21 ottobre 1981 e del quale furono vittime il capitano della polizia di Stato Straullu Francesco e l’agente Di Roma Ciriaco”. Straullo era il giovane ufficiale esperto di terrorismo nero alla Digos di Roma, ucciso a Roma insieme all’autista Di Roma con una violenza inaudita. Le raffiche fecero scempio dei corpi e nella rivendicazione i Nar lo accusavano per il modo di trattare le donne dei camerati in galera. La conversazione finisce sulla politica, Berlusconi e altri leader: “Prima – dice Carminati – si mangiava tutti ora non ci capiscono un cazzo (...) questi hanno mandato via personaggi come Craxi, come Andreotti, come Berlinguer, mentre quelli di adesso non sarebbero degni di andare a prendere un caffè per i primi”. Mario Corsi, che ieri ha preferito non parlare con Il Fatto, non è indagato. Anche se i pm romani l’hanno intercettato. Più volte è stato fotografato con Carminati e agli atti è definito “ “vicino a Carminati e Riccardo Brugia (braccio destro del presunto boss, ndr)”. Secondo i Ros “si è interessato attivamente a un investimento da fare su alcuni lotti di terreni situati nelle vicinanze del Parco di Veio (a nord di Roma, ndr) ai quali risulta interessato Carminati (...) Si è prestato nel favorire interviste radiofoniche di esponenti politici appoggiati da Carminati, quali Luca Gramazio”.

Fonte: Il Fatto Quotidiano - Marco Lillo

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom