Rassegna Stampa

Castan pronto, Keita no. E De Rossi torna mediano

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 08-10-2015 - Ore 08:11

|
Castan pronto, Keita no. E De Rossi torna mediano

IL TEMPO - AUSTINI - Il recupero di una pedina per tappare due buchi. Il rilancio di Castan è il grande obiettivo della Roma durante questa sosta: c'è bisogno del brasiliano per sistemare una difesa troppo ballerina e col suo rientro De Rossi può tornare a centrocampo, che sarà a lungo orfano di Keita.
Garcia ha organizzato appositamente una partitella di 90 minuti a ranghi misti contro la Primavera l'altro ieri, in cui Castan ha mostrato dei netti progressi. I suoi problemi fisici sono in realtà risolti da mesi, ma ora deve ritrovare la convinzione e i tempi di gioco. Lui per primo si è accorto di averli persi durante gli allenamenti, le amichevoli estive e l'esordio di verona, unica gara ufficiale giocata in questa stagione. Garcia allora ha deciso di fermarlo, Leo ha accettato ma la botta è stata dura.
Deve combattere una sorta di blocco psicologico, una normale insicurezza per chi si è dovuto sottoporre a un intervento al cervello e poi cominciare una lunghissima riabilitazione. Una volta in piedi ho dovuto imparare da capo a camminare - raccontava Castan in un'intervista a Il Tempo dello scorso aprile - più tardi a correre. La gamba destra andava da sola, la sinistra no: serviva che mi concentrassi per muovermi.

A distanza di mesi non si è sentito ancora reattivo al 100% in campo, dove una frazione di secondo può essere decisiva per interpretare una traiettoria del pallone o un movimento dell'avversario, I medici l'hanno rassicurato, i risultati di tutti i test sono positivi, nei prossimi giorni ne sosterrà un altro ma la vera prova da superare è una partita. Quella con l'Empoli dopo la sosta sembra l'occasione giusta. Per Garcia è quasi un obbligo inserire di nuovo nelle rotazioni Castan, visto che Ruediger non è ancora pronto e nel frattempo si è fermato Keita. L'infortunio del maliano è molto più serio di quanto si pensasse al momento della sostituzione col Carpi. La nuova ecografia a cui si è sottoposto a Trigoria ha dato esito sconfortante: nonostante gli esami abbiano mostrato una buona progressione riparativa della lesione della giunzione  miotendinea - si legge nel bollettino - al muscolo semimembranoso della coscia destra, la prognosi è di circa 5 settimane a partire da oggi. Calendario alla mano, Keità dovra saltare l'intero ciclo delle prossime sette partite - Empoli, Fiorentina, Udinese, Inter e Lazio più i due impegni col Bayer in Champions - e tornerà a disposizione a fine novembre, dopo la prossima sosta.

 

Per adesso tocca quindi a De Rossi, insieme a Nainggolan e Pjanic, fare gli straordinari a centrocampo, con l'aiuto di Vainqueur e Uçan, finalmente utilizzato dal tecnico a Palermo. Già dalla gara con l'Empoli spera di tornare in panchina Ruediger: ipotesi ottimistica ma non impossibile, il ginocchio va meglio come lui stesso ha ammesso e mostrato in un video  degli allenamenti (ancora differenziati) postato su Twitter. Questione di giorni e l'infiammazione nella zona meniscale dovrebbe passare. Col recupero di Ruediger e Castan verrà forse il giorno in cui anche Manolas (acciaccato pure lui) potrà prendersi una giornata di riposo.

Fonte: IL TEMPO - AUSTINI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom