Rassegna Stampa

Cataldi e Candreva contro i giallorossi è l’ora dei romani

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 02-04-2016 - Ore 06:33

|
Cataldi e Candreva contro i giallorossi è l’ora dei romani

LA REPUBBLICA – CARDONE/ERCOLE – La Lazio tenta di ribaltare il pronostico contrario in campo (i giallorossi vengono dati favoriti da tutti, quote Snai comprese) e intanto rivoluziona una statistica consolidata negli ultimi dieci anni. Se, come sembra, giocheranno sia Candreva sia Cataldi, sarà la prima volta con due laziali romani in campo contemporaneamente nella formazione titolare dopo ben 10 anni. Precisamente dal 26 febbraio 2006, quando con la maglia biancoceleste scesero in campo Liverani e Di Canio. Non è la sola curiosità: se fosse confermata la presenza del solo Florenzi con la Roma (De Rossi è in dubbio), allora la Lazio riuscirebbe addirittura a bissare la vittoria del “derby della romanità” ottenuta già nella gara di andata di questo campionato, quando su 22 giocatori, di romano c’era solo Candreva. Non è un dato da sottovalutare, perché negli ultimi dieci anni — tra Totti, De Rossi, Florenzi, Aquilani e Curci — i giallorossi nati nella Capitale al fischio d’inizio sono sempre stati in superiorità numerica: per ritrovare l’ultimo precedente favorevole ai biancocelesti bisogna risalire al 23 ottobre 2005; sul campo il derby finì 1-1, ma dal punto di vista della romanità a vincere fu la Lazio con Liverani, Di Canio e Firmani contro Totti e De Rossi.

Ecco perché Cataldi, alla sua prima da titolare nel derby dei grandi (finora 12 minuti complessivi di esperienza), si è tolto una piccola soddisfazione. È già qualcosa, anche se non compenserà la paura di uscire sconfitti, né i problemi di formazione con cui dovrà fare i conti Pioli. Che perde definitivamente (salvo miracoli) Milinkovic e Basta, e attende oggi Onazi, rimasto qualche giorno in più in Nigeria per motivi personali. È tornato disponibile invece Patric, che si gioca un posto con Mauricio. L’unico altro ballottaggio è tra Klose e Matri. Per il resto sono davvero poche le possibilità di manovra di Pioli. Che per tentare di ribaltare il pronostico si affida ai romani.

Fonte: LA REPUBBLICA – CARDONE/ERCOLE

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom