Rassegna Stampa

Caviglia k.o. Per Salah il derby resta tabù

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 01-12-2016 - Ore 07:06

|
Caviglia k.o. Per Salah il derby resta tabù

LA GAZZETTA DELLO SPORT - CECCHINI/PUGLIESE - «Amo l’autunno», scriveva Gustave Flaubert nel 1842 raccontando il suo novembre incantato. Non ditelo a Mohamed Salah. L’attaccante della Roma, infatti, se incrociasse le voci «novembre-derby» partorirebbe invece solo una cronaca da scongiuri.

LULIC & cO. Uscendo ieri da Trigoria con un tutore alla caviglia destra e appoggiandosi a una stampella, l’attaccante egiziano ricordava infatti le vicende di un anno fa. Otto novembre, Stracittadina in corso, un duro intervento alla caviglia destra di Lulic lo toglie di scena fino al 13 dicembre, facendo addirittura temere una frattura. Non basta, il suo ritorno in campo è rugginoso, tant’è che l’attaccante ritrova la via del gol solo il 2 febbraio. Lulic perciò per i tifosi della Roma — manco a dirlo — sembrava aver fatto, più che un fallo, una specie di maledizione. Stavolta le cose sono andate diversamente, ma la sindrome da derby evidentemente deve aleggiare sull’egiziano, che ieri è andato k.o. per un intervento a fine allenamento (un classico della sfortuna) ad opera di Vermaelen. Morale: per l’attaccante fine lavoro, borsa del ghiaccio, dita incrociate e stracittadina a forte rischio. Il discrimine lo darà la notte e il modo in cui la caviglia si gonfierà. Stamattina, comunque, a Trigoria sono tutti pronti per sottoporre ad esami l’egiziano, che ovviamente farà di tutto per giocare il derby.

SFIDE La sua gestione, però, deve essere intelligente. Vero che la sfida con la Lazio in casa giallorossa vale tantissimo a prescindere dalla (ottima) posizione di classifica, ma subito dopo — se escludiamo la «inutile» partita di Europa League con l’Astra Giurgiu — arriveranno i «big match» contro Milan e Juventus, ed ovviamente non sarebbe utile per la Roma correre il rischio di perdere uno come Salah, autore finora di 8 reti in 12 partite di campionato (9 in 19 gare stagionali) e spalla perfetta di Dzeko nella costruzione del super attacco della Roma.

COPPA D’AFRICA Sullo sfondo, ovviamente, c’è anche la Coppa d’Africa, che prenderà il via il 14 gennaio in Gabon. Troppo catastrofico pensare che l’infortunio di ieri sia così grave da condizionare la presenza dell’egiziano, anche se tanti tifosi giallorossi in cuor loro sarebbero felici che restasse a Trigoria. Complicato, visto che l’infortunio non pare di quelli terribili. Sufficientemente brutto, però, per metterlo tra i «maledetti» del derby. Inutile sottolineare come — tra Roma e Fiorentina — Salah non abbia mai segnato alla Lazio. Appuntamento al girone di ritorno?

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom