Rassegna Stampa

Che la forza sia con voi

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 15-12-2015 - Ore 07:44

|
Che la forza sia con voi

CORRIERE DELLA SERA - TOMASELLI - Roma e Juve, che la forza sia con voi: «Più che una #EuroJuve servirà una #JuveStellare! Fare o non fare, non c’è provare». Massimiliano Allegri cita il maestro Yoda e va alle Guerre Stellari contro il Bayern Monaco di Guardiola, per caricare un ambiente pesantemente condizionato dal lato oscuro del sorteggio di Champions League. La faccia del vicepresidente bianconero, Pavel Nedved, è tutta un programma: «Ho passato giorni migliori — dice l’ex campione ceco —. Questa squadra ha i mezzi per fare bene in Europa anche se contro il Bayern sarà difficilissimo. Non è una sfida impossibile, nel calcio non si mai, nessuno è imbattibile». 
Siamo già alle frasi di circostanza? «Almeno tagliamo subito la testa al toro — aggiunge Allegri — . Creeremo tutte le condizioni per passare il turno. Se vinceremo, saremo una delle candidate alla finale. Se perderemo, ci concentreremo sul campionato». 
Per le due italiane c’erano tre squadre da evitare. La Roma ha pescato il Real Madrid di Cristiano Ronaldo. E considerato che non poteva incrociare il Barcellona, già affrontato nel girone, vale la sintesi del presidente del Coni, Giovanni Malagò: «Peggio di così non poteva andare». 
Anche se Rudi Garcia, che aveva radunato tutta la squadra davanti alla tv, cerca di vederla in positivo: «Abbiamo visto il sorteggio tutti insieme. Poter confrontarsi con il Real Madrid, una squadra che punta a vincere la Champions è una bella cosa. Si tratta di un buon sorteggio: loro sono favoriti e noi dovremo fare l’exploit per arrivare ai quarti di finale. Sperando di essere al completo». 
Gli incroci (molto) pericolosi per le squadre italiane li ha scritti la mano pesante di Javier Zanetti, che di sicuro ha fatto un favore alla sua Inter. La Juventus — che sta scalando posizioni in campionato — a febbraio avrà due settimane decisive, per usare un termine riduttivo: il 14 la squadra di Allegri sfida il Napoli,(il 20 il Bologna), martedì 23 gioca in casa contro il Bayern la gara d’andata degli ottavi e domenica 28 affronta la super sfida contro l’Inter allo Stadium. Per il ritorno in Baviera, del 16 marzo, c’è tempo. La Roma invece giocherà con Carpi e Palermo, prima e dopo l’andata in casa di mercoledì 17 febbraio. 
E gli avversari che dicono? Di certo, assieme al Paris Saint Germain che ritrova il Chelsea e all’Arsenal che ci proverà con il Barcellona, la Juventus vicecampione d’Europa era la squadra più temuta fra le seconde classificate nei gironi: «È un sorteggio molto difficile ma anche molto affascinante — dice Kalle Rummenigge, presidente del Bayern —. Dovremo fare due grandi partite per passare ai quarti». Pep Guardiola riconosce «che col Psg, la Juve era l’avversario più difficile. Saranno due match fantastici, loro sono tra le migliori d’Europa, sono stati in finale l’anno scorso, possono difendere a 4 o a 5». 
La lista delle vecchie conoscenze, aperta dal gol di Fernando Llorente del Siviglia che ha condannato la Juventus al secondo posto, si allunga pericolosamente con Arturo Vidal e Kingsley Coman e coinvolge naturalmente anche Rafa Benitez, tecnico senza sorriso del Real Madrid: «Sono molto felice di ritrovare la Juve — dice il giocatore cileno, venduto al Bayern per 40 milioni in estate —. Anche se sarebbe stato meglio se fosse stata una finale». 
Ma la Champions, che il 28 maggio vivrà il suo atto finale a San Siro, spesso è così: ama farsi male da sola, con le grandi squadre che si fanno fuori tra di loro troppo presto. Però a volte le piace anche sorprendere: due mesi di attesa e di pronostici a senso unico la annoiano un po’. 

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - TOMASELLI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom