Rassegna Stampa

Chelsea, scatta l’operazione Rüdiger. Da piazzare Ljajic e Doumbia

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 01-06-2016 - Ore 11:46

|
Chelsea, scatta l’operazione Rüdiger. Da piazzare Ljajic e Doumbia

IL TEMPO - SERAFINI - Le scadenze si avvicinano e le ‘manovre’ cominciano ad aver bisogno di registrare importanti passi in avanti. Quella di Walter Sabatini d’altronde, in parte è già stata svelata. Per non scontrarsi nuovamente contro i parametri del fair play finanziario, il diesse avrà un altro mese di tempo per sistemare i conti e poi programmare la fase successiva. La scadenza del 30 giugno infatti costringerà i giallorossi ad accelerare i tempi sul fronte cessioni, bilanciando le possibili entrate economiche con le uscite destinate ai riscatti già programmati da parte della società. Ma a volte gli obiettivi possono anche coincidere. Non è un caso infatti, che nelle ultime 48 ore sia stata ufficializzata l’operazione Rudiger, uno dei ‘sacrificabili’ in grado di poter sistemare in parte della situazione. Il Chelsea nel frattempo si è fatto avanti, pronto ad avvicinarsi ulteriormente alla richiesta giallorossa poco inferiore ai 30 milioni.

Una delle situazioni affrontate ieri a Trigoria tra Sabatini e Spalletti, riuniti in mattinata all’interno del centro sportivo per il primo e vero summit dedicato alla prossima stagione. Un colloquio necessario proseguito fino al primo pomeriggio in cui si sono affrontati a 360° tutti i temi riferiti al mercato: dalle valutazioni di chi tornerà alla base per la preparazione estiva, alle situazioni legate a possibili partenze e conseguenti arrivi. Per il momento si è scandagliato ogni settore legato alla rosa, coinvolgendo chi ha giocato meno nel secondo corso Spalletti e i punti fermi da cui l’allenatore è pronto a ripartire. Per esempio il piano cessioni studiato momentaneamente dal diesse include i nomi di Ljajic, Doumbia, Iago Falque (che piace ad Amburgo e Torino)  Sanabria e Ricci. Discorso differente per Iturbe e Paredes, perché se il mercato rimarrà comunque aperto per tutti, il tecnico ha ribadito la volontà di monitorarli quantomeno dal vivo. E se al momento non arrivano ancora segnali di una rottura consensuale con Dzeko, rimane in stand by anche la posizione di Pjanic, allarmato dalle sirene dei grandi club europei (tra cui la Juventus). In entrata rimangono comunque vive le piste che portano a Milik (offerto) e a Umtiti, l’obiettivo numero 1 in caso di partenza di Rudiger. Tre ore fitte di confronto in cui sono state programmate anche le linee guida della tournée americana, tra cui la tabella di lavoro sulle doppie sedute fortemente volute dal tecnico.

Nel frattempo, dopo la consegna del progetto definitivo, il dg Baldissoni torna a parlare del nuovo impianto a margine di un evento organizzato dallo studio legale Tonucci: “Sarà un investimento privato per oltre 1,6 miliardi di euro. Adesso affrontiamo l’ultima salita dell’iter burocratico”. La risistemazione del progetto e le spese complessive sostenute da Pallotta e soci ammontano circa a 55 milioni. Brutte notizie invece per il baby Primavera Nura, operato in giornata a Villa Stuart per un, “complesso infortunio al ginocchio destro riguardante il legamento crociato posteriore e il menisco interno”. Previsti di 6 mesi di stop.

Fonte: Il Tempo - Serafini

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom