Rassegna Stampa

Chi si scopre perde il derby

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 22-09-2013 - Ore 09:45

|
Chi si scopre perde il derby

La sfida inedita tra Garcia e Petkovic coincide con il primo derby di campionato in calendario a settembre: la Roma e la Lazio sveleranno le proprie ambizioni con largo anticipo alle rispettive tifoserie. Il risultato dell’Olimpico, essendo solo la quarta giornata, non determinerà un giudizio definitivo, ma peserà sul futuro delle due squadre. Che comunque qualche indicazione l’hanno già data. 

ALTA CLASSIFICA
Il raccolto di Rudi e Vlado, quindici punti su diciotto disponibili, testimonia l’importanza del derby numero 139 nei tornei a girone unico. Roma è la capitale del calcio: in nessun’altra città, fin qui, sono stati capaci di fare meglio. Le tre vittorie di fila consentono al debuttante francese di presentarsi da capolista, primato da spartire al momento con il Napoli, e di avere tre punti di vantaggio sul collega bosniaco. E’ il dato più eloquente in attesa del verdetto del pomeriggio.[...] 

EQUILIBRIO TATTICO
La solidità delle due squadre può essere il leitmotiv del match. Una sorta di braccio di ferro. Garcia, con il suo 4-3-3 ordinato e organizzato, è riuscito in poche settimane a far comprendere le sue idee al gruppo. La Roma ha un’identità precisa. Recita da squadra, si difende senza lasciare spifferi, fa sempre la partita, ha fisicità e qualità nei tre reparti, schiera calciatori più esperti che nelle ultime due stagioni e conclude con disinvoltura in porta. Così ha preso meno gol di tutte (1, come l’Inter di Mazzarri) e solo il Napoli ha segnato di più (9 reti contro 8). La formazione base c’è per dieci-undicesimi e il turn over coinvolge solo il tridente. Stavolta, però, può confermare per la prima volta gli stessi interpreti. Petkovic, finiti gli esperimenti, è invece tornato al 4-1-4-1: è il sistema di gioco che gli dà maggiori garanzie. E più risultati. Lo ha usato nell’ultimo turno di campionato contro il Chievo, ha chiuso la partita nel primo tempo e non ha subito gol (non era accaduto nelle altre gare). Candreva a destra dà il meglio di sè. Zona da presidiare per Rudi.[...] 

NUOVI CONTRO VECCHI 
Se la Lazio non ha novità e lamenta le assenze di Biava e Radu, la Roma cambia diverse facce per interrompere la striscia negativa nel derby. Non lo vince da due anni e mezzo (5 gare, 4 perse). Il digiuno pesa, e tanto, alla proprietà Usa. Anche perché i biancocelesti, dopo 10 anni, sono tornati davanti ai giallorossi nel ranking Uefa: 47° posto contro 51°.

Fonte: (Il Messaggero – U.Trani)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom