Rassegna Stampa

Comanda la difesa Napoli e Roma alla fine si annullano

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-12-2015 - Ore 07:13

|
Comanda la difesa Napoli e Roma alla fine si annullano

CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI - Se era una sfida scudetto l’ha vinta l’Inter, che allunga a +4 dal Napoli e +7 dalla Roma. Le due pretendenti si annullano a vicenda con uno 0-0 dove i difensori sono i migliori in campo: decisivo Szczesny con due parate su Hamsik e Mertens; bravissimi Manolas e Ruediger a disinnescare Higuain, che ha mancato il record di Maradona dei gol consecutivi in campionato al San Paolo, restando fermo a 8; formidabile la partita di Koulibaly, diventato giocatore di assoluto livello internazionale. 
Sarri dice di aver dominato la partita («Se fosse stato pugilato avrebbero gettato la spugna»), ma è una analisi molto di parte. Il Napoli ha avuto più occasioni, ma non è una colpa avere un bravo portiere e i partenopei si iscrivono alla corta lista di chi non è riuscito a segnare alla Roma: Frosinone, Lazio, Bate Borisov. Una Roma così male in arnese — senza Gervinho; con Salah a mezzo servizio; reduce dall’impegno di Champions League che ha prosciugato energie fisiche e nervose — non capita tutti i giorni. Alla vigilia sembrava una gara senza speranza e invece il gruppo di Garcia è uscito con un punto dove avevano perso Inter (colpendo due pali al 95’), Juventus e Fiorentina. È vero che la Roma non ha effettuato nemmeno un tiro nello specchio della porta (non succedeva da Juve-Roma 2-0 dell’1 novembre 2008), ma aveva segnato un gol, con De Rossi, su colpo di testa. Il quarto uomo Barbirati, che nel primo tempo aveva sostituito il guardalinee Cariolato, infortunato, ha però segnalato che il cross di Ruediger era uscito dalla linea di fondo. Non c’è un’immagine tv sicura, bisogna fidarsi dell’occhio umano. 
Il Napoli ha ottenuto un punto nelle ultime due partite ed è mancato proprio dopo il sorpasso all’Inter. Sarri ha sicuramente dato un bel gioco alla sua squadra, ma è altrettanto generoso di stucchevoli lamentele. La Roma ha fatto quello che poteva in una situazione di grande emergenza. Però, per non precipitare fuori dalla zona Champions League, deve migliorare di molto il suo rendimento offensivo. L’ultimo gol segnato su azione in campionato è quello di Gervinho nel derby vinto 2-0 (8 novembre) e in tre delle ultime quattro partite (Atalanta, Bate Borisov e Napoli) è rimasta a secco [...]

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom