Rassegna Stampa

Come cambia il Garcia-style. Ora la Roma sa pure tirare

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 10-10-2015 - Ore 07:18

|
Come cambia il Garcia-style. Ora la Roma sa pure tirare

GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI - Un anno fa di questi tempi, dopo 6 giornate di campionato, la Roma era prima in Italia come possesso palla (60.63%), ma tra le ultime come tiri nello specchio della porta (22). La squadra, quindi, teneva tanto il pallone ma in modo sterile, senza essere né cinica né concreta. Oggi, che di giornate ne sono state giocate 7, il mercato sembra aver dato i suoi frutti: il possesso palla è aumentato (64.36%), ma sono aumentati anche i tiri nello specchio: 50. Numeri, al momento, senza rivali in Serie A. Gli arrivi di Dzeko, Salah e Iago Falque nel reparto offensivo, la buona vena di Pjanic e Gervinho (già 3 reti) e l’utilizzo di un ex esterno alto come Florenzi in difesa, hanno portato la Roma ad avere molte più possibilità di inquadrare la porta avversaria. 

ESERCIZI - D’altronde, se a Garcia spesso è imputato di curare poco la fase difensiva, lo stesso non si può dire per gli schemi offensivi, che vedono una Roma alla costante ricerca del possesso palla e del gioco d’attacco. Il primo anno col francese in panchina la sintesi era perfetta e dopo 7 giornate erano arrivate 20 reti, lo scorso anno ci si era fermati a 14, in questa stagione la quota è 17: non c’è ancora la (quasi) perfezione del 2013, ma i miglioramenti ci sono. 

PRIMATI - Non solo: il dato diventa ancora più evidente se paragonato al resto della Serie A. La Roma tira di più in porta rispetto agli altri e anche di parecchio visto che al secondo posto, nella classifica delle conclusioni nello specchio, c’è la Fiorentina capolista a quota 38 (12 in meno rispetto ai giallorossi). Al terzo gradino del podio c’è il Napoli (37), mentre il Milan dei due attaccanti che piacevano tanto a Trigoria, Bacca e Luiz Adriano, è quartultimo a 23. 

BOSNIA AL COMANDO - Sempre in tema di attaccanti, nella Roma il giocatore che finora ha effettuato più tiri (nello specchio e non) è Edin Dzeko, il bomber che Garcia ha cercato e voluto per mesi. Il bosniaco però è in buona compagnia visto che lo stesso numero di tiri (16) li ha effettuati il connazionale Pjanic. Inseparabili, Mire ed Edin, anche in questo. Dai piedi del centrocampista, poi, passa la maggior parte del gioco della Roma e magari sarà (anche) per questo che i giallorossi, oltre ad essere più concreti, sono anche più precisi, perché non solo tengono il pallone per più di un’ora, ma lo fanno bene, senza buttarlo mai, con l’81% di giocate utili di media. L’unica cosa che va aggiustata è la mira: se i tiri nello specchio sono 50, quelli fuori sono 52 e i legni colpiti 3. Gli esercizi a fine allenamento hanno sì portato risultati, ma la strada è ancora lunga. 

Fonte: Gazzetta dello Sport - Zucchelli

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom