Rassegna Stampa

Come te nessuna mai

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 01-11-2013 - Ore 08:13

|
Come te nessuna mai

Sessantotto minuti di sofferenza prima di sbloccare la partita, archiviare anche la pratica Chievo ed entrare di diritto nella storia del calcio italiano. È la Roma di Garcia che butta giù dal trespolo tutto il resto d’Italia, non si ferma più e tocca il cielo con una mano. Risponde alle inseguitrici e resta a più cinque su Juventus e Napoli. Il tecnico francese lo aveva detto che sarebbe stata la partita più difficile dell’anno e la sua lettura è stata ineccepibile. La Roma diventa la prima squadra italiana a vincere tutte le prime dieci partite del campionato, un successo che la porta a undici punti di vantaggio sull’Inter quarta in classifica, a dodici dalla Fiorentina, a quindici dalla Lazio e infine a diciotto dal Milan: una roba da impazzire. Serve altro? Sì, il miglior attacco (stavolta insieme all’Inter) e la miglior difesa che fin qui ha incassato un solo gol.

È l’ennesimo miracolo di Garcia che riesce anche a sbloccare un bomber messo in naftalina rimasto a Roma quasi per caso: Borriello non segnava un gol in giallorosso da 893 giorni e la sua rete, da attaccante vero, lo fa diventare l’undicesimo realizzatore giallorosso in questa stagione pazzesca. [...]

 

 

Che sarebbe stata una serata di sofferenza era chiaro sin dall’inizio: il trionfo del non gioco del Chievo. Sannino è chiaramente venuto a Roma per non far giocare la capolista, tutti dietro alla palla, chiusi a difendersi sempre con dieci uomini contemporaneamente con il solo Pellissier lasciato sulla linea di centrocampo: inutilmente. Il resto è stata solo rottura, calci, e botte mirate a far innervosire una Roma che nella prima metà di gara ci ha provato da tutte le parti non riuscendo però mai a trovare il pertugio giusto. Poca la spinta sulle corsie laterali, così come la lucidità di Borriello che fatica a trovar spazio e palle in mezzo a quella foresta di uomini. Dietro la Roma, dopo una pennichella iniziale, di fatto non rischia mai perché il Chievo oltrepassa quasi mai la metà campo avversaria e ogni qualvolta lo fa la retroguardia giallorossa è sempre pronta in chiusura.

Il bilancio è di un triste primo tempo, con gran confusione davanti ai pali di Puggioni ma nessuna vera occasione da gol per i giallorossi troppo lenti nella fase conclusiva e un giallo inutile a Castan (diffidato) che gli costerà la trasferta di Torino.

Ma nell’intervallo Garcia scuote i suoi che entrano nella ripresa con un’altra testa: anche se la dinamica della gara non cambia granché. Il Chievo sta lì dietro a difendersi con la Roma che prova a passare. Ma il muro di Sannino capitola, come da programma, con una spizzata proprio di Borriello messo in moto da un ottimo inserimento di Torosidis. Fa uno a zero, l’Olimpico esplode e la Roma decolla.

Il resto è accademia con i giallorossi attenti a non distrarsi e i tifosi che preparano la festa finale con l’ingresso sulla pista dell’Olimpico dei famosi cinque maghi tirati in ballo da Lotito: la goliardia non ha mai fine. Ma in realtà non è finita, perché il perfezionista Garcia ha in mente anche qualcosa per il post gara. La squadra resta a cena all’Olimpico, tutti assieme.[...]

Fonte: Il Tempo

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom