Rassegna Stampa

Conte punta sul mercato

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-06-2015 - Ore 06:25

|
Conte punta sul mercato

IL MESSAGGERO - DANZA - Azzurri stasera a Ginevra in amichevole contro il Portogallo senza Ronaldo: conferma per il 4-3-3 con Immobile e Ranocchia.«Invito i miei ragazzi a fare scelte in vista dell’Europeo: in Italia o all’estero, l’importante è che vadano a giocare». - “Stade de Genève”, per provare, per sperimentare ancora una volta. Soprattutto per continuare a restare imbattuti (sarebbe la decima partita senza perdere) e per il ranking. Siamo a fine stagione, le forza calano, le assenze sono numerose (rispetto a Spalato, out anche Buffon e De Silvestri) ma Conte chiede un ultimo salto. La prestazione con la Croazia è stata confortante da un punto di vista del gioco oltreché del risultato. Il modulo è nuovo e si adatta a calciatori con maggiore qualità, come El Shaarawy e Candreva, non a caso tra i migliori a Spalato. Torna la coppia dei terzini titolari al mondiale, De Sciglio e Darmian, al centro Ranocchia sostituirà un non troppo convincente Astori. In mezzo al campo, a riposo Parolo e Marchisio (che verrà forse utilizzato per far prendere fiato a Pirlo), dovrebbero essere sostituiti da Soriano e Bertolacci. Davanti si rivede Immobile, che sostituirà Pellè. Dicevamo del ranking. Portogallo, Belgio e Ucraina sono le nazionali ad aver fatto più passi in avanti nella top ten dell'ultima classifica provvisoria, dopo la recente giornata di qualificazione a Euro 2016. La vittoria di sabato (3-2) in casa dell'Armenia, ha portato il Portogallo - avversaria dell’Italia stasera ma senza la stella Ronaldo - al sesto posto, con un aumento di due posizioni. L'Ucraina invece ha scalato cinque posizioni fino al decimo posto grazie alla vittoria di domenica sul Lussemburgo per 3-0. 
L'Italia, che ha pareggiato 1-1 in Croazia, ha guadagnato una posizione e adesso è al settimo posto, mentre il Belgio è l'unica nazionale scesa nella top ten, dopo la sconfitta per 1-0 in casa del Galles. L’Italia proverà ad allungare la striscia vincente di sei successi consecutivi con il Portogallo, la cui ultima vittoria sull'Italia risale al dicembre 1976. Ginevra porta bene all'Italia, che nei 10 incontri disputati nella città svizzera non ha mai perso, collezionando quattro pareggi nelle ultime amichevoli con Costa D'Avorio (1-1), Svizzera (doppio 1-1) e nell'ultimo precedente con il Brasile del 21 marzo 2013 (2-2).
IL CT IN SELLAConte ha ritrovato entusiasmo, è sempre sul pezzo. Oggi più che mai. «Non mi è mai balenata l'idea di lasciare. Io pretendo sempre molta chiarezza e qualcuno può azzardare di prevedere le mie azioni. Nonostante ci siano stati momenti difficili non ho mai pensato di lasciare. Ho preso un impegno verso l'Italia e gli italiani», le parole del ct. «Io solo? Non è importante come io mi senta, quello che importa è che abbia metabolizzato ciò che mi si chiede: sono concentrato sul lavoro senza guardarmi intorno. 
Darmi un voto? Non sono abituato, ho lavorato tanto come sempre, forse ho anche ecceduto. La Nazionale deve avere sentimento, passione, entusiasmo, il sacrificio nel Dna. Le scelte in funzione dell’Europeo? Dico solo che i giocatori più giocano e più hanno chance di venire in Francia». Come a dire: occhio alle scelte di mercato. Il tecnico si riferisce soprattutto a Immobile. Stasera il Portogallo, altre prove tecniche. «Da parte dei giocatori c'è una grande professionalità, tutti tengono alla maglia. Bisogna lavorare se si vogliono ottenere risultati. Cerco di lavorare sulla testa, voglio che la squadra acquisti mentalità e capisca la differenza tra vincere e non vincere». 

Fonte: IL MESSAGGERO - DANZA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom