Rassegna Stampa

Continua la guerra dei nervi tra Berlusconi e Allegri. Rescissione o buonuscita?

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 24-05-2013 - Ore 11:45

|
Continua la guerra dei nervi tra Berlusconi e Allegri. Rescissione o buonuscita?

(Corriere della Sera – A. Costa) - Si chiama guerra fredda. O di logoramento. Oppure di posizione. Di solito vince chi riesce a starsene sulle sue costringendo il «nemico » alla prima mossa. E tra Silvio Berlusconi e Massimiliano Allegri, tra il Milan e il suo allenatore, la situazione al momento è proprio questa. Quando mercoledì mattina il tecnico livornese ha incontrato Adriano Galliani per bere «un buon caffè», non ha formalizzato la richiesta di una buonuscita ma, al contrario e con una certa sorpresa, si è visto sottoporre la rescissione del contratto che lo lega al club rossonero fino al giugno del prossimo anno. Motivo? Berlusconi aveva promesso a quelli della Roma di svincolare il suo allenatore per consentirgli di accasarsi a Trigoria. Mossa astuta per liberarsi a costo zero dello scomodo Allegri facendo un figurone con i giallorossi.

Peccato non avesse tenuto in debita considerazione (Berlusconi) il desiderio del tecnico di togliersi qualche sassolino postumo. Ecco perché il buon caffè al terzo piano della sede rossonera si è protratto così a lungo: più che per «gustarlo bene» perché Allegri ha rigettato con cortese fermezza quel foglio da firmare («Io non mi muovo, siete voi che mi dovete esonerare »), gelando sul nascere il progetto presidenziale. In sostanza il conte Max si mette di traverso, fa resistenza passiva, si incatena idealmente davanti ai cancelli di Milanello avvertendo di non avere alcun problema a rimanere fermo un’intera stagione, ovviamente a spese di Berlusconi. Un atteggiamento di sfida che poggia su una certezza (sua): in tempi di vacche magre chi può permettersi di pagare un allenatore (5 milioni, mica bruscolini) per tenerlo fermo un anno, giusto per uno sfizio? In effetti il ragionamento non fa una grinza ma cosa accadrebbe se Berlusconi decidesse di fare una follia e di esonerare Allegri mantenendolo comunque a libro paga, precludendogli così l a passibilità di concretizzare i tanti ammiccamenti con la Roma? Ecco dunque la guerra fredda di cui sopra. [...]

 

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom