Rassegna Stampa

Cori di discriminazione, Roma deferita

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-03-2014 - Ore 09:37

|
Cori di discriminazione, Roma deferita

Un supplemento d’indagine e il probabile divieto di trasferta per i possessori della Away Card. Dopo i cori di discriminazione territoriale intonati dai tifosi della Roma al San Paolo ieri il giudice sportivo ha chiesto un rinvio «al Procuratore federale affinché voglia acquisire, anche tramite l’Osservatorio Nazionale, ogni circostanza utile per l’individuazione del settore occupato presso lo stadio Olimpico da tali sostenitori della Roma».

Operazione impossibile, che dovrebbe quindi evitare nuove squalifiche per le gare in casa. Multata la Roma di 30 mila euro, invece, per l’uso della ricetrasmittente in panchina e per il lancio di bombe carta da parte dei tifosi, una delle quali ha ferito uno steward. Il giudice sportivo ha anche squalificato Maicon, ammonito domenica per simulazione e già in diffida. Il terzino resterà in tribuna con De Rossi e forse Romagnoli, costretto a saltare lo stage azzurro per un sovraccarico muscolare all’adduttore. Contro l’Udinese, lunedì, sarà quindi piena emergenza per Garcia che avrà anche in diffida Taddei e Pjanic, gli unici centrocampisti con Nainggolan rimasti a disposizione. Si spera almeno nel ritorno di Totti.

Fonte: LEGGO - BALZANI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom