Rassegna Stampa

Corini alza la diga con la difesa a cinque

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 18-10-2014 - Ore 08:31

|
Corini alza la diga con la difesa a cinque

L’idea di Eugenio Corini è alzare la diga: «La Roma? Grande densità centrale in attacco, fortissimi tiratori dal limite, usa il possesso palla per stancarti e cambiare lato velocemente sui terzini. Vorrei coprire bene tutta l’ampiezza del campo», spiega. Il che, sulla carta, porta al 5-3-2. È il modulo che può orientare il Chievo, oggi, all’Olimpico: tre centrali, se uno esce gli altri due gli guardano le spalle, esterni che fanno avanti e indietro. Il dubbio è tra Cesar, fresco di nazionale, e Gamberini, rientrato in gruppo da giovedì. Per il resto, regia a Radovanovic, col cagnaccio Hetemaj e Cofie ai lati – è una mediana cui manca terribilmente Izco, grimaldello da contropiede per la sua capacità di saltare l’uomo – e chiavi dell’attacco al duo Maxi Lopez-Paloschi (Schelotto è convocato, Botta out). L’alternativa resta il più collaudato 4-5-1, che Corini, a priori, non scarta. Il timoniere clivense, che in casa giallorossa conquistò l’aritmetica salvezza due stagioni fa (7 maggio 2013, Théréau al 90′) rifletteva ieri: «La Roma ha raggiunto il livello della Juve. Lo dico al netto del risultato di Torino. Lì è stata partita rapida, veloce. Difficile prendere le decisioni arbitrali giuste. Ma io, nonostante la coda di polemiche, non temo l’arbitraggio: temo la Roma. E bado solo a preparare il Chievo per cercare l’impresa, ch’è nel nostro dna da sempre».

Fonte: IL MESSAGGERO (M. SORIO)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom