Rassegna Stampa

Così fa tanto male: «Maledetti rigori»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-06-2013 - Ore 10:30

|
Così fa tanto male: «Maledetti rigori»

«Le finali si perdono solo arrivandoci e giocandole». Sembra una boutade, ma Comunardo Niccolai la sussurra per fare i complimenti alla Roma.L’ambasciatore del calcio giovanile, che con De Sisti ha premiato anche i giallorossi a fine gara, è come volesse dire «…ai punti per me hanno vinto i giallorossi…». Sì, la Roma Giovanissimi che ha perso la finalissima sul Monte Amiata esce a testa alta, perché ha messo alla corde un’Inter che partiva favorita. 

COPPITELLI  L’amaro e la beffa: per Federico Coppitelli l’espulsione prima(protestando per un mani in area nerazzurra) e la sconfitta dal dischetto poi, sono un pieno di sfortuna. «Abbiamo saputo vincere la semifinale con carattere e grinta, sfruttando gli episodi. Ecco, con l’Inter abbiamo imparato che, con gli episodi, si può anche perdere lo scudetto, se gira storto». Già, proprio Scamacca determinante col Padova, ha sbagliato il tiro fatale: «È bravo a fare le cose difficili – sdrammatizza il mister –, deve migliorare nelle cose facili». 

SFIDA A CACCHI  Ma c’è chi accredita la Roma anche di una maggiore organizzazione di gioco. «L’abbiamo giocata alla pari contro una forte Inter, ai ragazzi non posso che dire grazie, visto che abbiamo lottato fino all’ultimo istante. Loro più pronti fisicamente, noi abbiamo più carattere e cuore. Abbiamo giocato meglio noi». E quindi, «al di là del rigore sbagliato resta il lavoro buono fatto sui ragazzi». 

CONTI «Io lo so, i rigori sono un terno a lotto… ma siamo contenti lo stesso», e se lo dice Bruno Conti potete scommetterci che è così.

Fonte: (Gazzetta dello Sport – F.Oddi)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom