Rassegna Stampa

Da Manfredini a Lamela e Ljajic quelli che l’esordio è con gol

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 01-02-2016 - Ore 07:13

|
Da Manfredini a Lamela e Ljajic quelli che l’esordio è con gol

MESSAGGERO - FERRETTI - Gol all’esordio con la maglia della Roma. El Shaarawy? Certo, Ersciaravi, come già lo chiamano tra la Piramide e Testaccio. Ma non solo lui. Anzi, in Casa Roma timbrare il cartellino del gol nel giorno del debutto non è cosa rara. L’ultimo a riuscirci, prima del Faraone, era stato Adem Ljajic (Roma-Verona 3-0, 1 settembre 2013) poche ore dopo esser arrivato a Trigoria, pochi minuti dopo l’ingresso in campo al posto di Florenzi. Prima del serbo era toccato al giovane uruguaiano Nico Lopez (Roma-Catania 2-2, 26 agosto 2012), gol in pieno recupero con Zdenek Zeman in panchina: ingresso in campo al minuto n.84, rete al 92’. 
UGOLOTTI, TRE DI FILA
Un altro passo all’indietro: Erik Lamela debutta contro il Palermo (23 ottobre 2011) e firma il gol della vittoria (1-0). Anche Shabani Nonda va a segno nel pomeriggio del suo esordio con la Roma (Reggina-Roma 0-3, 28 agosto 2005): l’allenatore era Luciano Spalletti, che lo mandò in campo al posto di Montella. Il 14 settembre 2003 (Roma-Brescia 5-0) prima partita e primo gol nella Roma per Cristian Chivu. Doppio esordio-gol per Andrea Carnevale e Fausto Salsano (Roma-Fiorentina 4-0, 9 settembre 1990). Non male, vero? Scavando, poi, nella storia un po’ meno recente, ecco spuntare Roberto Pruzzo: O Rey di Crocefieschi, prelevato dal Genoa nell’estate del 1978, gioca la prima partita con la Roma in casa del Verona e lì lascia il primo dei suoi 106 segni (Verona-Roma 1-1, 1 ottobre 1978). Nel campionato precedente era toccato a Guido Ugolotti festeggiare debutto e primo gol nello stesso pomeriggio (Roma-Torino 2-1, 11 settembre 1977). Da ricordare che Ugolotti, poi, andò a segno anche nelle due gare successive. Un altro alla Ersciaravi è stato Pierino Prati: prima gara con la Roma e subito gol contro il Bologna (Roma-Bologna, 2-1, 7 ottobre 1973). Il secondo sigillo fu di Agostino Di Bartolomei, al suo primo centro in carriera con la prima squadra. Chiudiamo con Pedro Manfredini, gol inutile a Firenze (Fiorentina-Roma 3-1, 11 ottobre 1959) alla sua “prima” con la Lupa sul petto.

Fonte: MESSAGGERO - FERRETTI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom