Rassegna Stampa

DDR, il jolly di Lucio

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 12-03-2016 - Ore 08:09

|
DDR, il jolly di Lucio

IL MESSAGGERO - CARINA - Il jolly è tornato. De Rossi è nuovamente a disposizione. In anticipo rispetto alla prognosi (come al solito generosa) di un mese rilasciata dallo staff medico della Roma. Un rientro importante che permette a Spalletti di tornare ad essere imprevedibile. Perché con Daniele in campo, Lucio può cambiare modulo più volte all’interno di una stessa partita. Attuare la difesa ‘tre e mezzo’, giocare con il 4-2-3-1, continuare con il centrocampo a rombo o passare al 4-1-4-1. Tutto grazie a De Rossi. Basta spostarlo in campo e la squadra si modella di conseguenza: «È un grande giocatore e può dare ancora molto. Sa fare tutto. Se tu chiedi, lui esegue», la conferma del tecnico. Li lega una stima reciproca. In tempi non sospetti (un’intervista rilasciata aRomaTv nel gennaio del 2015, dunque con la Roma che viaggiava spedita a braccetto con la Juventus e con Garcia ben saldo al suo posto), De Rossi parlò così di Spalletti: «È un genio, a mio avviso, che ho trovato sulla mia strada. Un allenatore incredibile, attento a ogni dettaglio. Abbiamo iniziato il nostro rapporto il giorno che era nata mia figlia Gaia. Non c’erano gare imminenti, l’ho chiamato e gli chiesi di dormire a casa, convinto che me lo avrebbe concesso. Mi disse di dare un bacio alla bimba e di venire a Trigoria. La prima settimana lo odiai. Dovevo stare in ritiro e non potevo vederla. Per quanto bene gli voglio, la prima cosa che penso è quanto l’ho odiato. Poi ho conosciuto una persona meravigliosa».

CALVARIO MUSCOLARE Un feeling che si vede anche sul campo. Nonostante questa continui ad essere una stagione particolare per Daniele che convive (ormai da 2 anni) con un problema al muscolo soleo del polpaccio. Il primo campanello d’allarme suona sinistro il 25 ottobre, al Franchi contro la FiorentinaDe Rossi viene recuperato in extremis ma poco dopo la mezz’ora del primo tempo alza il braccio e chiede il cambio. Un sacrificio, il suo, che gli costerà poi quattro partite, tra cui il derby. Poi arriva lo stop di Sassuolo. Stavolta il centrocampista è bravo ad accorgersi che c’è qualcosa che non va e chiede la sostituzione. Gli esami svolti escludono lesioni ma lui continua ad avvertire dolore. Salta precauzionalmente gli impegni con la Sampdoria e il Carpi, prima di tornare a disposizione con il Real Madrid. Tredici minuti ed è di nuovo ko.

FUTURO INCERTO – Nei prossimi mesi diventerà padre per la terza volta e questo potrebbe incidere non poco sul futuro prossimo. Perché qualche voce che lo vorrebbe lontano da Roma con un anno di anticipo rispetto alla scadenza contrattuale, continua periodicamente a circolare (ieri a Trigoria c’era il suo agente Berti). Tra Mls (Los Angeles Galaxy) e Boca Juniors (in Argentina è da gennaio che alcuni media sono convinti del trasferimento in estate) le sirene non mancano. A 32 anni, De Rossi legge, ascolta, s’informa ma preferisce rimanere in silenzio. Fa finta di nulla pur essendo uno dei calciatori che sa annusare meglio l’aria che lo circonda. Lasciare la Roma nella stagione (la prossima) del dentro o fuori (almeno nei propositi di Spalletti che vuole una squadra per vincere lo scudetto) potrebbe essere l’autogol di una carriera. Anche perché ha aspettato tanto. Sia la fascia sul braccio che lo scudetto sul petto. Salutare in anticipo, equivarrebbe a farsi da parte senza aver mai ereditato realmente la guida dellaRoma, rimasta ben salda nelle mani dell’amico-icona Totti. Più o meno come accaduto al principe Carlo che s’è fatto vecchio senza diventare mai re, all’ombra della Regina Elisabetta. Il finale diverso dipende anche da Daniele. E dalle sue scelte.

Fonte: IL MESSAGGERO - CARINA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom