Rassegna Stampa

De Rossi e l’insulto razzista, il rischio di stop è minimo

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 26-01-2016 - Ore 08:41

|
De Rossi e l’insulto razzista, il rischio di stop è minimo

IL CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI - Un giorno il frocio, l’altro lo zingaro. E, in sottofondo, il r i tornel lo omer toso che «quello che succede in campo deve restare in campo». Il calcio italiano sa come farsi del male. L’immagine all’estero è pessima e le ultime uscite diSarri (contro Mancini) e De Rossi (contro Mandzukic) non l’hanno migliorata. L’allenatore del Napoli se l’è cavata con due giornate di squalifica da scontare nella prossima Coppa Italia, il romanista non è stato deferito al Giudice sportivo. La Procura federale Figc non ha potuto inviare a Tosel le immagini del labiale dell’insulto («Stai muto, zingaro di m…») perché non rientrano nella casistica prevista. Sono da prova tv atti violenti non visti o espressioni blasfeme. Si può essere squalificati per una bestemmia (infatti è successo) ma non per un insulto a sfondo razziale non sentito. È capitato quando Balotelli accusò Spolli di averlo apostrofato con «negro di m…». Ha ricevuto 10 giornate di squalifica il giovane atalantino Grassi, neo acquisto del Napoli, perché in una partita del campionato Primavera disse a un giocatore di colore del Chievo«alzati, vu’ cumprà». Ma in quell’occasione l’arbitro sentì ed espulse il giocatore. L’articolo 11 del Codice di giustizia sportiva della Figc parla espressamente di «comportamento discriminatorio» e lo punisce con la squalifica di 10 giornate o, nei casi più gravi, con una squalifica a tempo determinato. La mancata prova tv non significa che De Rossi sia del tutto al sicuro. La Procura federale potrebbe aprire un fascicolo con immagini tv e articoli di stampa, riservandosi di interrogare le parti. Allo stato attuale, però, ci vorrebbe l’intervento della politica sportiva ai più alti livelli o della politica tout court. Nel caso Optì-Pobà, però, questo non avvenne. Resterebbe un ultimo problema: Sarri ha ricevuto una punizione blanda perché l’insulto «era stato fatto a una persona notoriamente eterosessuale » come Roberto Mancini. La Croazia non è un Paese tenero con i «rom» eMandzukic non è un assistente sociale. I difensori di De Rossi potrebbero dire che è chiaro a tutti che Mandzukic non sia uno zingaro. Senza regole chiare si passa all’interpretazione. È per questo che le regole attuali vanno riscritte e migliorate. Chi avrà voglia di farlo?

Fonte: Il Corriere della Sera

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom